Poche briciole Cinque classici Disney (più uno) per veri gourmet

Da “Ratatouille” a “Lilli e il Vagabondo” un viaggio a cartoni tra le scene più golose dei film per tornare bambini con l’aiuto del cibo e della leggerezza

Posso uscire di casa? Posso andare a trovare i congiunti? Posso portare i bambini al parco giochi? Posso andare al ristorante? Tempi di domande, e di risposte che variano in base al colore assegnato. Ma rosso, giallo o arancio, più o meno liberi di muoverci, tutti possiamo goderci un cartone animato che ci rilassi e ci tiri su il morale; magari un cartone che parli di cucina, che ci ispiri nelle nostre prossime creazioni o che ci faccia sognare di essere a cena in qualche luogo davvero da favola. Perché nella magia dei film Disney un posto di privilegio è sempre occupato dal cibo: Biancaneve prepara una deliziosa torta di mele per i Sette Nani, mentre Alice prende un fantastico tè nel Paese delle Meraviglie, in compagnia del Cappellaio Matto e del Leprotto Bisestile; e se ne gli “Aristogatti” i micetti non possono resistere alla crema di crema alla Edgar, la fata Fauna prepara ad Aurora nella “Bella addormentata nel bosco” una torta di compleanno pendente come la torre di Pisa. Perfino l’eterea Elsa si lascia andare a un sospiro ingolosito quando sente il profumo della cioccolata. E gli esempi potrebbero continuare. Ma non basta: ci sono cartoni in cui il cibo diventa davvero protagonista, in scene indimenticabili o in tutto il tessuto narrativo del film.

  1. Ratatouille

«Il cibo trova sempre coloro che amano cucinare!». Come si poteva non cominciare da qui? Dalle parole di Gusteau, il grande chef francese, l’idolo del topolino Remy, che sogna di diventare un grande cuoco. Le sue avventure, e quelle del suo amico umano Linguini, sono la base della vicenda del film, che si snoda su uno sfondo fatto di pentole e padelle, di spezie e di erbe aromatiche, di verdure affettate e di vino versato. Remy guida le azioni dell’imbranato Linguini: il primo sa come cucinare, il secondo sa come… sembrare umano. Il pentolone con la zuppa ribolle, la salsa alle acciughe e liquirizia è pronta da versare sulle animelle… tutto, in questo film, è cibo. In ogni scena si ha la sensazione di vivere in una cucina, di respirarne i profumi. Lasciarsi trasportare da “Ratatoiuille” è ritrovarsi in un ristorante a Parigi. E tornando alle parole di Gusteau: «L’alta cucina non è una cosa per i pavidi: bisogna avere immaginazione, essere temerari, tentare anche l’impossibile e non permettere a nessuno di porvi dei limiti solo perché siete quello che siete, il vostro unico limite sia il vostro cuore. Quello che dico sempre è vero: chiunque può cucinare, ma solo gli intrepidi possono diventare dei grandi». Potrebbe essere una guida anche per chi in questo secondo lockdown vuole rimettersi ai fornelli.

  1. La principessa e il ranocchio

Tiana è una ragazza povera, che sogna di aprire un ristorante tutto suo. Nella New Orleans degli anni Venti, lavora come cameriera per mettere da parte il denaro necessario, sorretta da una speranza e da una volontà incrollabili. È il suo sogno fin da bambina, fin da quando cucinava con il suo papà, che ora non c’è più, una meravigliosa zuppa, un gumbo da condividere con tutti i vicini. Anche quando, trasformata in ranocchia, deve affrontare la magia nera e un lungo viaggio nel bayou il suo sogno non la abbandona. Anzi, è l’unica tentazione capace di metterla in crisi davanti al malvagio Dottor Facilier, l’uomo ombra. Ma alla fine… no, i finali non si raccontano: il film è del 2009, ma mica tutti lo hanno visto. Un consiglio: quando lo guardate, tenete a portata di mano una scorta di dolcetti: i bignè di Tiana “bucano” letteralmente lo schermo, e mettono fame!

  1. La Sirenetta

Okay. In questo caso la scena gourmet è una sola. Ma che scena! Lo scontro tra il granchio Sebastian e il cuoco francese che lo vuole cucinare. Il povero Sebastian assiste come in un film dell’orrore alle manovre dello chef che «stacca la testa e strappa la spina», tagliando con l’accetta il pesce che deve finire in pentola. Quando arriva il suo turno il granchietto, «succulento bijou» scappa per tutta la cucina per evitare di essere gettato nella pignatta. Salsa, farina, tecniche e ingredienti sfilano tra coltelli e impasti, per arrivare al cancan finale, lo scontro tra uomo e “ingrediente”. Senza mai dimenticare il tocco «di sale che dà il saporin».

  1. La Bella e la Bestia

Anche qui alla ribalta sale una sola, epocale scena. La servitù del castello incantato della Bestia, trasformata dal sortilegio in oggetti, allestisce per Belle, di nascosto dal padrone, un magnifico banchetto. Con tutto l’entusiasmo di chi non ha potuto lavorare per un tempo interminabile. Perché (e lo sanno bene i lavoratori della ristorazione in questo periodo) «saltano i nervi anche al servo se non servi». Così il Candelabro Lumiere dà inizio a una cena indimenticabile:

«Ma chére, mademoiselle, è con il più grande onore

E grandissimo piacere che le diamo il benvenuto

Ed ora la invitiamo a rilassarsi

Accomodiamoci a tavola

Dove la sala da pranzo con orgoglio le presenta

La cena.

Stia con noi

Qui con noi

Si rilassi d’ora in poi

Leghi al collo il tovagliolo, poi faremo tutto noi

Soupe du jour, antipasti,

Noi viviamo per servir

Provi il pollo, è stupendo

Non mi crede?

Chieda al piatto.

Vive l’amour

Vive la dance

Dopotutto miss

C’est la France

E una cena qui da noi, c’est fantastique!».

E in Francia o altrove, una cena deve essere un momento di gioia.

  1. Lilli e il Vagabondo

Atmosfera e menu italiano invece per la più romantica delle cene. Quella in cui Lilli, raffinata cockerina borghese, e Biagio, irresistibile randagio, condividono un succulento piatto di spaghetti con le polpette. Una cena a lume di candela, nel ristorante Di Tony: tovaglia a quadri, fiasco di vino come portacandela, ma è il cuoco stesso a rendere magico «l’incanto della notte». È lui, grande amico di Biagio, a far servire ai due cani i migliori spaghetti della città, ed è sempre lui a creare l’atmosfera con una melodica canzone, accompagnata da fisarmonica e mandolino. Stereotipi? Certo. Ma meravigliosi. E il bacio tra i due cani, che si ritrovano muso contro muso per mangiare lo stesso spaghetto è memorabile.

E comunque…

E comunque, fuori da ogni cucina, nel mezzo della jungla, è l’Orso Baloo a ricordare che

«Ti bastan poche briciole,

Lo stretto indispensabile

E i tuoi malanni puoi dimenticar.

In fondo basta il minimo,

Sapessi quanto è facile

Trovar quel po’ che occorre per campar».

 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionÈ nata K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova

È nata K – Linkiesta Fiction, una nuova rivista di letteratura curata da Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019, e dal direttore de Linkiesta Christian Rocca. 

K – Linkiesta Fiction è un volume di 320 pagine disegnato dall’art director Giovanni Cavalleri e arricchito da fotografie di Stefania Zanetti, da un’illustrazione di Maria Corte e da un saggio introduttivo di Nadia Terranova. Il tema del primo numero di K è il sesso. 

K si può preordinare sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali oppure acquistare nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco in costante aggiornamento). 

Gli autori che hanno partecipato al primo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:

Camilla Baresani, Jonathan Bazzi, Carolina Capria, Teresa Ciabatti, Benedetta Cibrario, Francesca d’Aloja, Mario Desiati, Annalisa De Simone, Viola Di Grado, Mario Fillioley, Dacia Maraini, Letizia Muratori, Valeria Parrella, Romana Petri, Lidia Ravera, Luca Ricci, Marco Rossari, Yari Selvetella, Elvira Seminara.

Ci sono anche due anteprime di romanzi di Don Winslow e di Maggie O’Farrell in uscita a breve in Italia.

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia