NextGenerationEu n salitaLa strategia del Tesoro: un fondo da 34,7 miliardi disponibile da gennaio

Nella legge di bilancio è stata inserita una polizza contro ogni eventuale ritardo sull’approvazione del piano da 750 miliardi di eruo. E oggi il governo decide sull’aumento del deficit di 7-10 miliardi. Ma nel 2021 ne serviranno altri 20, ha già fatto sapere Patuanelli

Foto Mauro Scrobogna /LaPresse

Eccolo il trucco: una sorta di assicurazione contro ogni eventuale ritardo sulla approvazione del programma Next Generation Eu in Europa (ma anche del Recovery Plan italiano). Nella legge di bilancio, il Tesoro ha inserito nelle ultime ore un Fondo di rotazione per l’attuazione del Recovery Fund da 34,7 miliardi di euro. Una exit strategy che consentirà di spendere già dal 1 gennaio del 2021 le risorse destinate – in teoria – all’Italia.

Nel testo si cita esplicitamente a che cosa sono riservati questi soldi: il pacchetto per la Transizione 4.0 finalizzato ad ammortamenti, crediti d’imposta sui software, beni immateriali, ricerca e formazione, che vale oltre 5 miliardi. La dote della legge di bilancio sale così dai 38 miliardi iniziali a 73,6 miliardi. Una manovra «mai vista in precedenza», ha detto il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri.

Ma sul tavolo del governo ci sono altre emergenze da risolvere. A partire dal potenziamento del decreto ristori due, in modo da coprire con i sussidi le categorie colpite dalle restrizioni anti-Covid regionali. Per questo ristori ter serviranno 1,3 miliardi di euro.

Poi ci sono le copertura da trovare per arrivare a fine anno: 7 miliardi, che potrebbero diventare anche 10, sui quali oggi il consiglio dei ministri approverà un altro scostamento di bilancio. È il quarto da marzo, che va a sommarsi ai 100 miliardi già chiesti per i decreti precedenti. La richiesta verrà votata in Parlamento mercoledì. E al Senato, per non correre rischi, ci vorrà l’aiuto di Forza Italia perché l’articolo 81 della Costituzione prevede la maggioranza assoluta dell’assemblea.

E non è finita qui. Il nuovo anno è dietro l’angolo. E siccome si sa già che i soldi messi in manovra non basteranno, il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli ha già annunciato che a gennaio servirà pure il quinto scostamento di bilancio da 20 miliardi. Con il debito che ormai veleggia bel oltre il 160% del Pil e il deficit 2021 che sicuramente supererà il 7% previsto.

Mentre, nonostante le smentite del governo, in Europa sono tutti preoccupati del ritardo con cui si sta muovendo l’esecutivo italiano nel lavoro sul Recovery Plan nazionale.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionÈ nata K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova

È nata K – Linkiesta Fiction, una nuova rivista di letteratura curata da Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019, e dal direttore de Linkiesta Christian Rocca. 

K – Linkiesta Fiction è un volume di 320 pagine disegnato dall’art director Giovanni Cavalleri e arricchito da fotografie di Stefania Zanetti, da un’illustrazione di Maria Corte e da un saggio introduttivo di Nadia Terranova. Il tema del primo numero di K è il sesso. 

K si può preordinare sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali oppure acquistare nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco in costante aggiornamento). 

Gli autori che hanno partecipato al primo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:

Camilla Baresani, Jonathan Bazzi, Carolina Capria, Teresa Ciabatti, Benedetta Cibrario, Francesca d’Aloja, Mario Desiati, Annalisa De Simone, Viola Di Grado, Mario Fillioley, Dacia Maraini, Letizia Muratori, Valeria Parrella, Romana Petri, Lidia Ravera, Luca Ricci, Marco Rossari, Yari Selvetella, Elvira Seminara.

Ci sono anche due anteprime di romanzi di Don Winslow e di Maggie O’Farrell in uscita a breve in Italia.

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia