Da un’idea di Goffredo BettiniMatteo Renzi apre a Berlusconi: la maggioranza si può allargare

Il leader di Italia Viva spiega al Corriere: «Se Forza Italia offre la disponibilità a superare il populismo, fanno bene i dirigenti del Pd a dire andiamo a vedere le carte. Oggettivamente questa disponibilità può produrre una novità politica»

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse

Dopo l’idea lanciata da Goffredo Bettini di chiamare all’impegno «le migliori energie del Paese» e il segnale di apertura arrivato da Forza Italia, il leader di Italia Viva Matteo Renzi dice: è «una proposta saggia». Molti, spiega in un’intervista al Corriere, «sottovalutano la vastità del problema economico alla fine della pandemia». Per cui, davanti a uno scenario di estrema crisi, «se Forza Italia offre la disponibilità a superare il populismo, fanno bene i dirigenti del Pd a dire andiamo a vedere le carte. Oggettivamente questa disponibilità può produrre una novità politica».

Ma non c’è alcuna sicurezza che questo matrimonio si farà. Spiega Renzi: «In Forza Italia convivono due anime: c’è il gruppo che possiamo chiamare il fronte del Nazareno, che vuole accordi bipartisan e si colloca nello scenario del Ppe guidato dalla Merkel, e c’è il gruppo che definiamo il fronte di Pontida che vuole l’alleanza solo con la Lega. Vedremo chi prevarrà. Secondo me nell’anno delle Amministrative, Berlusconi — per come lo conosco — non mollerà Salvini e Meloni. Se lo facesse, tuttavia, sarebbe una svolta di grande valore. Un’apertura c’è stata. E dunque condivido con Zingaretti: noi rendiamoci disponibili in modo serio. Se sono rose fioriranno».

Per Berlusconi, dice l’ex presidente del Consiglio, «questa è l’occasione per dimostrare che Forza Italia è alleata della Merkel e non della Le Pen. Concretamente questo può portare anche ad allargare la maggioranza, ma dipende da chi vincerà la sfida interna tra il fronte del Nazareno e quello di Pontida».

Sulla tenuta del governo, però, tranquillizza: «Questa legislatura arriverà comunque al 2023: io vorrei che ci arrivasse con una maggioranza politica che tiene fuori i sovranisti di destra. E del resto la vittoria di Biden riapre una speranza per tutte le famiglie democratiche e progressiste».

Conte, però, non sembra seguire la strada indicata Bettini. E Vito Crimi ha chiuso all’ipotesi. Renzi risponde: «Il premier in questi mesi ha spesso apprezzato la sponda istituzionale di Forza Italia. Quanto a Vito Crimi, guida un partito che nel 2019 andava dai gilet gialli e nel 2020 si prepara a entrare nel partito di Macron: può tranquillamente cambiare idea anche sul doppio relatore alla legge di bilancio. E naturalmente ci auguriamo che i grillini cambino idea velocemente sul Mes: abbiamo una sanità pubblica sotto sforzo, assurdo rinunciare a investimenti vantaggiosi solo per ragioni ideologiche».

Un «punto aperto» resta anche l’ipotesi di rimpasto, anche in caso di mancato ingresso di Forza Italia. «Noi stiamo scrivendo il nuovo contratto di governo. Ora è il momento di concentrarsi sui contenuti. Poi – se troveremo gli opportuni accordi – arriverà il momento di guardarci negli occhi e di dirci se va tutto bene come sta andando o possiamo irrobustire taluni ministeri». Ma «nessuno propone un nuovo premier», rassicura.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionPreordina qui il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta

Ci siamo: il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova, è in stampa e sarà in distribuzione dal 15 maggio nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco), oltre che direttamente qui sul sito de Linkiesta.

Il tema del secondo numero di K è la Memoria.

Gli autori che hanno partecipato a questo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:
Viola Ardone, Stefania Auci, Silvia Avallone, Annalena Benini, Giulia Caminito, Donatella Di Pietrantonio, Davide Enia, Lisa Ginzburg, Wlodek Goldkorn, Loredana Lipperini, Pasquale Panella, Francesco Piccolo, Alberto Schiavone, Simonetta Sciandivasci, Andrea Tarabbia, Alessandro Zaccuri.

C’è anche l’anteprima dei romanzi di Karl Ove Knausgård e di Ali Smith, entrambi in uscita in Italia nei prossimi mesi.
Il volume ospita anche tre mini racconti di Stefania Auci, Rosella Postorino e Nadia Terranova.

Preordina K – Memoria sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali. Il volume sarà spedito dal 17 maggio e arriverà in due giorni in tutta Italia. Oppure compralo a 20 euro nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco).

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia