Natale in Calabria Pitta ‘mpigliata

C’è una favola che parla di un falò, che porta con sé una ricetta, dolce e antica, fatta con prodotti tipici e regionali, quelli che è difficile trovare lontano da casa, da impastare insieme con pazienza e attenzione

La notte di Natale a San Giovanni in Fiore è illuminata dalla luce delle “focere”: sono i falò che vengono accesi nei vari rioni del paese, secondo un’usanza un tempo radicata, oggi forse meno diffusa. Bambini e ragazzi iniziano settimane prima a raccogliere la legna, girando per i boschi della Sila e bussando alle porte di tutte le famiglie di ogni rione perché diano il loro contributo con ciocchi e rami. Ognuno vuole realizzare la focera più grande, quella che splenda di più. Intanto nelle case si prepara la pitta, il dolce delle feste. Arriva la sera e si accendono i falò. E intorno ai fuochi grandi e bambini attendono, riscaldandosi nell’inverno, che nasca Gesù.

Pitta ‘mpigliata

Ingredienti: 500 g di farina, 2 uova, mandarinetto, liquore strega, liquore all’anice, 1/2 bustina di lievito per dolci, olio extravergine di oliva, sale

Per farcire e completare: 250 g di gherigli di noce, 50 g di pinoli, 150 g di uvetta, 100 g di fichi secchi, 250 g di miele, zucchero, cannella in polvere

Preparate la farcia, mescolando i gherigli di noce tritati con i pinoli, l’uvetta, ammorbidita in acqua tiepida e strizzata, i fichi secchi sminuzzati e il miele.

In un piccolo tegame portate a bollore un bicchiere di olio, un cucchiaio di ogni liquore e un bicchiere di acqua. Setacciate la farina a fontana sulla spianatoia e al centro versate il composto di olio, incorporandolo poco per volta; unite le uova, il lievito e un pizzico di sale, quindi lavorate fino a ottenere un impasto liscio. Dividete la pasta in 2 parti uguali e stendetele ottenendo un disco e un rettangolo. Adagiate il primo in una tortiera unta di olio, pennellatelo di olio e spolverizzatelo di zucchero e cannella. Ungete di olio e cospargete con zucchero e cannella anche il rettangolo di pasta, quindi spalmatelo con la farcia; ripiegatelo a metà e ritagliatelo in tante strisce, che arrotolerete a formare delle roselline. Disponete le roselline sulla base di pasta, e ripiegate i bordi della torta su se stessi a formare un cordone. Pennellate di olio e spolverizzate di zucchero e cannella la superficie del dolce, quindi cuocetelo in forno già caldo a 160 °C per circa un’ora. Sfornate e lasciate raffreddare la pitta prima di servirla. Su questa base si innestano innumerevoli varianti: ad esempio si può aggiungere all’impasto del succo di mandarino, mentre la farcia può essere aromatizzata con semi di anice.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia