A Star is BornSarà Lady Gaga a cantare l’inno americano nella cerimonia di insediamento di Biden

Lo rivela il sito del magazine americano Variety. L’artista in passato aveva più volte espresso il suo sostegno nei confronti del presidente, anche partecipando a un suo comizio. È prevista anche l’esibizione di Jennifer Lopez

AP Photo/Andrew Harnik

Sarà Lady Gaga a cantare l’inno nazionale al giorno dell’insediamento del presidente Joe Biden e della vicepresidente Kamala Harris il prossimo 20 gennaio.

Lo ha confermato al magazine di musica e spettacolo Variety il comitato per l’insediamento del team Biden-Harris. La cantante americana, del resto, lo aveva già eseguito nel 2016, in occasione dell’apertura del Super Bowl (e aveva ricevuto numerosi elogi).

Alla cerimonia per il giuramento, che comincerà (secondo la tradizione) alle 11:30 del mattino nel padiglione ovest del Campidoglio americano, si esibirà anche la cantante Jennifer Lopez. Il “Pledge of Allegiance”, cioè il giuramento di fedeltà alla bandiera degli Stati Uniti, sarà introdotto dal pompiere Andrea Hall.

Il programma prevede anche una poesia recitata dalla poetessa 23enne Amanda Gorman, la prima di sempre a potersi fregiare del titolo di National Youth Poet Laureate, e una invocazione da padre Leo O’Donovan, prete cattolico americano, gesuita e teologo, ex presidente della Georgetown University, cui seguirà la benedizione del reverendo Silvester Beaman. Entrambi amici della famiglia Biden.

La lista completa delle star che prenderanno parte alla cerimonia non è ancora stata resa pubblica, ma tanti si aspettano che sarà piuttosto lunga.

Dopo il giuramento, è prevista una parata virtuale insieme a una serie di altri eventi in streaming. La serata sarà chiusa con lo speciale televisivo condotto da Tom Hanks che sarà trasmesso sui tre principali network americani (ABC, CBS, NBC), in cui si susseguiranno vecchie esibizioni, un primo ballo tra Biden e First Lady e uno spettacolo di fuochi d’artificio.

Come ricorda Variety, Lady Gaga era già comparsa a fianco di Biden in un comizio a Pittsburgh, alla vigilia delle elezioni. In quell’occasione aveva attaccato l’avversario Donald Trump, definendolo «un uomo convinto che la sua fama gli dia il diritto di afferrare le vostre figlie, o sorelle o madri o mogli da ogni parte del corpo».

Il loro è un rapporto di vecchia data: già nel 2017 i due si erano uniti per un evento organizzato da “It’s on Us” contro la violenza sessuale. In quell’occasione la cantante aveva twittato un video insieme a lui, in cui lo definiva “My buddy”, il mio amico. Lui si era detto «onorato di lavorare con una donna di grande coraggio. Con il suo esempio e il vostro aiuto potremo fare il cambiamento».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia