x The Adecco Group

Appunti per il futuroCompany Culture, il “sistema operativo” formato da persone per far crescere le imprese

Per stare al passo con il cambiamento e rispondere efficacemente alle crisi, occorre mettere il capitale umano al centro. Alessandro Rimassa, esperto di digital transformation, ci racconta come costruire una cultura aziendale vincente

(Unsplash)

L’azienda è un organismo vivo, complesso, fatto di persone prima ancora che di regole, procedure e politiche interne. Immaginarla o, peggio, governarla come un monolite significa condannarla all’immobilità e, dunque, al fallimento. La digital transformation prima e la pandemia causata dal Covid-19 dopo, hanno mostrato l’urgenza di trovare modi di lavorare e fare impresa che siano adeguati alle tecnologie e al ritmo improvvisato del nostro presente imprevedibile. Nel futuro che si sta delineando, le imprese, grandi o piccole che siano, che vorranno davvero crescere e prosperare, dovranno adottare un nuovo modello culturale o, meglio, un nuovo “sistema operativo”.

Si intitola Company Culture, il “sistema operativo” fatto di persone che far crescere le aziende, dall’omonimo libro (edito da Egea) di Alessandro Rimassa, imprenditore, scrittore ed esperto di trasformazione digitale, il workshop di PHYD che si è tenuto in streaming lo scorso 21 ottobre. Presenti nell’Hub di Milano, lo scrittore e la giornalista de Linkiesta Lidia Baratta.

Ma cosa si intende in questo caso per “sistema operativo”? Ovviamente non c’entrano nulla iOS, Android o Linux. Quella di Rimassa è una metafora, una piccola provocazione, utile a descrivere più efficacemente il funzionamento di ogni azienda, la cultura e i valori alla base della sua organizzazione e dei suoi processi produttivi, il modo in cui questa va modificandosi nella nuova e articolata normalità che stiamo vivendo e che richiede sempre più improvvisazione, flessibilità e innovazione. Cambiare sistema è possibile oggi solo se si investe strategicamente nel capitale umano. Sono le persone a dover essere messe al centro nella nuova impresa che verrà. Occorre lavorare insieme, dunque, comunicare spesso, in modo orizzontale e trasparente, su valori e obiettivi condivisi, produrre senso, non solo profitto, ma soprattutto è vitale costruire reciproche relazioni di fiducia. Accettare il rischio di un rapporto paritario e non più gerarchico.

Quando Alessandro Rimassa parla di cambiamento, pensa principalmente alla realtà delle piccole e medie imprese, che sono il tessuto economico del nostro Paese. Big company e start up hanno, infatti, saputo rispondere con prontezza alla sfida lanciata dal Covid-19, mostrandosi non solo resilienti, ma persino antifragili.

E come fare nel concreto? Innanzitutto, serve una leadership diversa – e per questo è imprescindibile la formazione continua – che creda fortemente nel binomio produttività – felicità e che lavori per rendere le proprie persone contente di quello che fanno e libere di farlo quando e come preferiscono. Benessere, ascolto attivo, coinvolgimento sono tutte azioni indispensabili per installare questo nuovo “sistema operativo”, che poi altro non è che una più agile e inclusiva cultura aziendale. Ma non è solo il management ad avere la responsabilità di questa rivoluzione. Secondo Rimassa, anche i lavoratori devono prendersi cura dell’azienda, imparando a gestire in autonomia il proprio tempo di lavoro e allenando tutte quelle competenze trasversali indispensabili per prosperare.

Costruire una company culture vincente è forse la più grande sfida che le aziende dovranno affrontare nel prossimo futuro. Ma non è certo l’unica. Moltissime imprese in Italia non si sono ancora dotate di un reale programma di trasformazione digitale. Le tecnologie possono davvero essere, come dice Rimassa, un prezioso abilitatore di relazione, per questo è auspicabile intervenire quanto prima per dotare le piccole e medie realtà imprenditoriali delle infrastrutture necessarie. Tenendo sempre bene a mente che non può esistere nessuna effettiva digital transformation senza capitale umano.

Per approfondire queste tematiche, di cui qui abbiamo riportato una sintesi, ecco la registrazione completa dell’evento. Per guardarlo, è sufficiente registrarsi sul sito PHYD.

CONTINUA A LEGGERE MORNING FUTURE

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia