HousingCon la pandemia il costo degli affitti in Europa è diventato sempre più proibitivo

In Spagna e nel Regno Unito quasi la metà delle famiglie a basso reddito paga ogni mese più del 40% del proprio reddito in affitto. La crisi del coronavirus ha acuito un problema esistente che non ha facile soluzione

Unsplash

Pubblicato originariamente sullo European data journalism network

Come si può continuare a pagare l’affitto, o rimborsare un mutuo, quando si perde tutto o gran parte del reddito per diversi mesi? Il coronavirus ha messo i più vulnerabili in una brutta situazione. Le moratorie temporanee sugli sfratti non hanno risolto il problema e si sono accumulati arretrati per l’affitto.

Per molti osservatori, la crisi del coronavirus ha semplicemente messo i riflettori su un problema che già esisteva. In Spagna e nel Regno Unito quasi la metà delle famiglie a basso reddito paga ogni mese più del 40% del proprio reddito in affitto. Nei paesi più sviluppati il costo per le abitazioni pesa molto di più sui bilanci rispetto a vent’anni fa. Sebbene gli sviluppi differiscano da un paese all’altro, una tendenza generale è chiara: l’acquisto di una casa è diventato più costoso che mai, soprattutto nelle grandi città.

Questo problema dovuto a un’offerta limitata e spesso inadeguata nei luoghi dove la domanda è più forte, ma allo stesso tempo è dovuto anche a un aumento della domanda causato dal credito facile e, in alcune città, dalla presenza di investitori stranieri.

Il coronavirus metterà bruscamente fine a questa impennata dei prezzi? È tutt’altro che certo. La crisi potrebbe anche aumentare l’attrattiva del mattone che potrebbe essere percepito come un investimento sicuro, soprattutto visto il rallentamento nel settore dell’edilizia.

L’epidemia ha anche portato alla luce le disparità tra le persone ben alloggiate e coloro che vivono in condizioni di sovraffollamento dove i lockdown diventano intollerabili.

La proporzione di famiglie con un numero di stanze insufficiente rimane elevata ma varia notevolmente da un paese all’altro. Sebbene sia diminuito in media nell’OCSE negli ultimi anni, è aumentato nel Regno Unito e in Italia.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia