E adesso?La crisi c’è ma nessuno sa come uscirne, né chi l’ha provocata né chi l’ha subita

Renzi è consapevole che senza Italia Viva il governo non ha i numeri e ne approfitta a costo di perdere credito politico. Con Conte, che a questo punto dovrebbe dimettersi, la distanza sembra incolmabile

Pixabay

Non è bastata la giravolta di Giuseppe Conte per addomesticare Matteo Renzi. Due giorni fa aveva chiuso le porte, ieri le ha riaperte seppure in modo da far invidia a Bisanzio. Né è passata la mediazione – senza tanta ciccia, per la verità – del Nazareno. E ora è tutto in alto mare, nella disperazione dei parlamentari di ogni tipo e colore che sono costretti a prendere in considerazione che la strada delle elezioni, pur non voluta da nessuno, torna a farsi minacciosa.

Lo stesso Sergio Mattarella, che ieri ha caldamente “consigliato” l’avvocato del popolo a lasciar perdere la caccia ai “responsabili mastelliani” e la tentazione di una morte eroica in Senato, a questo punto è in difficoltà. Renzi sta facendo impazzire il mondo politico, però scontando un evidente isolamento politico e una vastissima ostilità di un’opinione pubblica che non ci si raccapezza più: e questo per un leader politico è un grosso problema.

Parimenti, è una enorme questione del sistema politico italiano il fatto di essere messo sotto scacco praticamente da un uomo solo, capo di un forza politica minoritaria e che nel Paese non decolla. Se la dovrebbero porre questa domanda, Zingaretti, Di Maio, Conte, Bersani (dell’opposizione non mette qui conto di parlare): ma com’è che il senatore di Scandicci vi sta portando a spasso? Perché, a mente fredda, la realtà è piuttosto banale: senza i voti di Italia viva non c’è una maggioranza, piaccia o non piaccia bisogna trovare un accordo con Renzi. Lui lo sa e martella con la solita baldanza – per molti: tracotanza – perché o fanno un accordo con lui o si va a elezioni mortali per il centrosinistra.

E la palla torna sempre nel campo di Conte, che da un mesetto non sta capendo più nulla della situazione. Solo da 48 ore si è svegliato il Partito democratico, l’unico soggetto che può dargli qualche consiglio utile (altrimenti gli restano Travaglio e Casalino, due dilettanti), che ieri ha cercato, e tuttora cerca, una strada per ricomporre la maggioranza (Partito democratico-Movimento cinque stelle-Liberi e uguali-Italia viva) offrendo a Renzi la proposta di un tavolo – i soliti barocchismi della politica – per ridiscutere tutto, programma e squadra.

Solo che c’è un piccolo problema: Giuseppe Conte. Additato ieri da Renzi quasi come un problema per la democrazia, un uomo incerto che calpesta regole e liturgie e che non trova nemmeno le parole per condannare Donald Trump con nome e cognome, creando subito un problema con la nuova amministrazione Biden. Un capo di un governo che ha smesso di governare. Qui non è un problema di Mes. Ci vuole una discontinuità – ma nemmeno Renzi indica come. Il «non poniamo veti» pronunciato dal capo di Italia viva è una cortesia, però immediatamente sovrastata da un’altra frase: per guidare il governo “ci sono tanti nomi”. Il Partito democratico mollerà l’avvocato del popolo? Questo è il punto.

Se questa è l’aria, una ricomposizione fra Conte e Renzi oggi appare lontana. A parte che non si capiscono le intenzioni del premier, che non si vede come possa non rassegnare le dimissioni, la difficile mediazione del Partito democratico non si è interrotta ieri sera, malgrado la rabbia (qui una parolaccia renderebbe meglio l’idea) per le parole del senatore fiorentino, e lo stretto sentiero che porta a un Conte ter non è completamente ostruito, ma forse serve uno scatto di fantasia politica. Da parte di tutti. Mentre l’Italia segue e non segue, sbalordita.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta ForecastÈ arrivato Linkiesta Forecast + New York Times

Il nuovo super magazine Linkiesta Forecast, in collaborazione con il New York Times, è pronto.

Duecentoquaranta pagine sugli Scenari 2021, le tendenze, l’agenda globale della nuova èra post Covid.

Con interventi di Premi Nobel, di dissidenti, di campioni dello sport, di imprenditori, di artisti, di stilisti, di ambientalisti e delle firme de Linkiesta e del New York Times.

Un progetto straordinario de Linkiesta che si aggiunge al Paper, a K, ad Europea, a Gastronomika, ma reso ancora più eccezionale dalla partecipazione del New York Times, in esclusiva per l’Italia.

Prenotatelo adesso, sarà spedito con posta tracciata a partire dal 7 gennaio (al costo di 5 euro per l’invio), e si troverà anche nelle edicole di Milano e Roma e nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (seguirà elenco).

10 a copia