Un brezza leggera, anzi leggerissimaRiformisti di tutta Italia, unitevi per costruire l’area liberaldemocratica

Un sondaggio di Format Research e Sociometrica, in collaborazione con Linkiesta, fotografa il dirompente effetto Draghi sul sistema politico italiano e la grande richiesta di un’offerta politica nuova. Si faccia quel che si deve, accada quel che può

mohamed-nohassi, Unsplash

Il sondaggio che pubblichiamo in esclusiva in apertura di homepage è un fatto politico straordinario che conferma la rivoluzione innescata dalla caduta di Giuseppe Conte e poi di Nicola Zingaretti e avviata in tutta la sua magnificenza dallo sbarco a Palazzo Chigi di Mario Draghi.

In un mese siamo passati dal primo governo ossimoro, cioè sia populista sia europeo, all’epilogo della stagione dell’incapacità e della sottomissione. Sono arrivati gli adulti e come prima conseguenza, oltre alla riorganizzazione della lotta alla pandemia, sono cambiate le linee politiche dei partiti, alcuni dei quali si sono scissi e altri, come il Pd, hanno smesso di adeguarsi alle mattane dei Cinquestelle e ora si presentano con una leadership, e da ieri con una segreteria, diametralmente opposte a quelle della resa grottesca a Conte, Casalino, Di Maio, Travaglio e Fofò Dj.

Il sondaggio dice tre cose molto chiare: Mario Draghi è un fatto politico preciso, nuovo, con una sua specifica identità, non è una soluzione tecnica; nessuno degli attuali partiti in questo momento può aspirare al ruolo di partito di Draghi; e, infine, c’è grande interesse nei confronti di una nuova offerta politica liberaldemocratica e riformista capace di mettere a terra l’esperienza del governo Draghi.

Buon lavoro a tutti, dunque, a cominciare dal nuovo Pd di Enrico Letta e di Irene Tinagli, passando dalla litigiosa galassia di partitini e di movimenti liberal fino ai sommovimenti liberali nella primissima area di centrodestra, ma soprattutto buon lavoro agli amici dell’appello all’unità riformista che domenica mattina si riuniranno per la prima volta (in remoto, anche sui canali de Linkiesta) per raccontare le ragioni della nuova prospettiva politica aperta dalla rivoluzione di febbraio 2021. Alla maratona riformista parteciperanno dirigenti ed intellettuali del Pd e di Azione, di Italia Viva e di +Europa, socialisti e liberali, democratici, repubblicani, sindaci e militanti. Si faccia quel che si deve, accada quel che può.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia