Contro il bluesIrene Tinagli e altri impercettibili segnali di ripresa del buonsenso

Mentre non riusciamo ancora a vaccinarci, succedono due o tre cose che riportano il nostro mondo sui binari giusti: la nuova vicesegretaria di Enrico Letta, le parole di Joe Biden e la sconfitta dei manettari sul caso Eni

Non credo di essermi mai non dico entusiasmato ma nemmeno interessato ai vicesegretari del PD, eppure la decisione di Enrico Letta di nominare vicesegretaria del partito Irene Tinagli, accanto al più tradizionale Peppe Provenzano, è una di quelle notizie che alleviano il blues di una campagna vaccinale ancora col freno a mano tirato, specie se sui social vediamo newyorchesi di ogni età entrare in farmacia a farsi la punturina salva vita. 

Ma torniamo a Irene Tinagli: nostra premiata come eurodeputata dell’anno sul magazine pubblicato con il New York Times, autorevole presidente della Commissione economica del Parlamento Europeo, eletta alla Camera con Scelta civica e al Parlamento europeo con il sostegno di Renzi e di Calenda, iscritta al circolo milanese Pd di riformisti e di renziani fortissimamente contrari alla linea dell’alleanza strategica populista di Zingaretti, insomma una politica brava e preparata. Tinagli vicesegretario del Pd è una scelta coraggiosa e interessante di Letta, arrivata peraltro un giorno dopo aver fermato o sospeso, tipo AstraZeneca, la candidatura di Roberto Gualtieri a sindaco Roma.

Si muove bene, benissimo, Enrico Letta, confermando ciò che ha detto che avrebbe fatto nel discorso di investitura domenica scorsa: il suo Pd è un Pd largo che vuole guidare il centrosinistra, non subire l’influenza fortissima di quel tizio di cui nessuno ricorda più il nome, e per farlo sceglie come vice un esponente d’area Ds, per capirci, e una economista preparata e moderna che si fatica a definire strettamente del Pd. 

Tutto questo mentre il presidente americano Joe Biden, esponente della stessa famiglia democratica di Letta & co, conferma che quel Vladimir Putin nei cuori dei Cinquestelle di ogni ordine e grado, compresi quelli ancora al governo cui il Pd si era sottomesso, è un killer che pagherà le conseguenze delle sue azioni, comprese quelle di manipolare anche le ultime elezioni 2020, ovviamente a favore di Donald Trump, altro sodale del tizio rispedito a Volturara-a-Lago. 

Tutto questo, infine, mentre il Tribunale di Milano smonta l’ennesima campagna forcaiola contro una grande azienda di Stato e di mercato, l’Eni, e di mascariamento dei suoi manager, perché il fatto non sussiste. E non solo il Fatto, peraltro, ma anche la Gabanelli, la7 e tutto il cucuzzaro.

Contro il Covid non siamo ancora vaccinati, contro il populismo pare di sì. Avanti con la seconda dose. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia