RiapertureIl governo ha scelto il rischio, a ragionare dovranno essere i cittadini (ma sarebbe stato meglio il contrario)

Se le cose dovessero andare storte, per quanto sia grande la responsabilità di chi gli ha consegnato una situazione tanto incancrenita, da oggi in poi le conseguenze andranno addebitate all’esecutivo attuale

Photo by Simon Billy on Unsplash
È difficile resistere all’impressione che il «rischio ragionato» di cui ha parlato Mario Draghi, per giustificare le riaperture previste a partire da oggi, nel segreto della sua personale coscienza, consistesse in questo: cambiare il più in fretta possibile le uniche due cose che poteva e doveva cambiare subito – campagna di vaccinazioni e Recovery Plan – pregando che nel frattempo tutto il resto non gli crollasse sulla testa.
I ripetuti appelli di ministri e scienziati a non considerare le riaperture di oggi come un «liberi tutti», però, non lasciano presagire niente di buono. Ancora una volta, nel momento stesso in cui si dice che si potrà uscire, andare a fare shopping o al ristorante, già ci si prepara a rimproverare chi lo farà, dandogli dell’incosciente e rovesciandogli addosso la responsabilità delle eventuali conseguenze. Come un vigile che da un lato ti fa segno di passare e un attimo dopo che sei passato fischia e ti fa la multa.
Per ragioni politiche, che vanno al di là della semplice prova di forza tra i partiti della maggioranza, il governo Draghi ha deciso di correre un rischio, augurandosi che il ragionamento ce lo mettano i cittadini, con una serie di spontanee autorestrizioni che nel frattempo, però, non si è fatto nulla, ma proprio nulla, per incoraggiare.
Per fare l’esempio più stupido: si poteva almeno bombardare ogni spazio pubblicitario disponibile, in apertura e in chiusura, con un brevissimo spot per ricordare che la mascherina va indossata sopra il naso e non sotto. Oltre a fornire un’informazione per molti evidentemente ancora necessaria, un simile martellamento avrebbe contribuito a comunicare, implicitamente e perciò più efficacemente di tante prediche, la persistenza del rischio. E avrebbe infine sollecitato nuovi comportamenti e forme di autoregolazione sociale (del genere: il tuo vicino con la mascherina abbassata contagia anche te, digli di smettere).
Per non parlare di tutto quello di cui si discute da un anno e che non si è praticamente nemmeno cominciato a fare, né da parte del governo centrale né da parte delle Regioni, per costruire condizioni minime di sicurezza, dalle scuole a tutto il resto. Siamo ormai alla terza ondata, e ogni volta il dibattito su ciò che sarebbe necessario per riaprire in sicurezza ricomincia dallo stesso identico punto in cui lo si era lasciato l’ondata precedente. Che sia anche questo il motivo per cui l’Italia è il sesto Paese al mondo per morti di Covid in cifre assolute, sebbene sia ben lontana dall’essere il sesto Paese più popolato?
Di sicuro questo non è un record che può essere addebitato al governo Draghi, almeno finora. Ma il rischio che il presidente del Consiglio ha deciso di correre è forse più grande di quel che può apparire a prima vista, scegliendo di puntare tutto sui vaccini e affidandosi per il resto alla stessa inerzia che ha determinato le scelte precedenti, con la stessa capricciosa casualità (come consentire ai ristoranti di aprire a cena, ma fissando il coprifuoco alle 22, o permettere lezioni, esami e lauree in presenza all’università, che avrebbero potuto svolgersi da remoto, mentre si tengono ancora chiuse o semichiuse attività che danno lavoro a un sacco di gente).
Il punto è che il governo Draghi, di fatto, ha deciso di aggrapparsi allo scenario migliore: all’ipotesi che la campagna di vaccinazione prosegua, e anzi acceleri, senza intoppi; all’ipotesi che i cittadini siano così «responsabili» da autoimporsi restrizioni più severe di quelle esplicitamente previste; all’ipotesi che il portare avanti le vaccinazioni senza un contestuale lockdown, con un numero così spaventosamente alto di contagiati (si parla di mezzo milione), non produca una selezione delle varianti più resistenti al vaccino, finendo per compromettere tutto.
Sarà anche stato ragionato, ma non si tratta di un rischio da poco. Certo è che, se le cose dovessero andare storte, per quanto sia grande la responsabilità di chi gli ha consegnato una situazione tanto incancrenita, dopo un anno in cui a Palazzo Chigi si è pensato di combattere il Covid a forza di conferenze stampa, da oggi in poi le conseguenze andranno addebitate al governo attuale.
Personalmente, io continuo a sperare che se la cavi, ma è una speranza sempre meno ragionata.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionPreordina qui il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta

Ci siamo: il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova, è in stampa e sarà in distribuzione dal 15 maggio nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco), oltre che direttamente qui sul sito de Linkiesta.

Il tema del secondo numero di K è la Memoria.

Gli autori che hanno partecipato a questo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:
Viola Ardone, Stefania Auci, Silvia Avallone, Annalena Benini, Giulia Caminito, Donatella Di Pietrantonio, Davide Enia, Lisa Ginzburg, Wlodek Goldkorn, Loredana Lipperini, Pasquale Panella, Francesco Piccolo, Alberto Schiavone, Simonetta Sciandivasci, Andrea Tarabbia, Alessandro Zaccuri.

C’è anche l’anteprima dei romanzi di Karl Ove Knausgård e di Ali Smith, entrambi in uscita in Italia nei prossimi mesi.
Il volume ospita anche tre mini racconti di Stefania Auci, Rosella Postorino e Nadia Terranova.

Preordina K – Memoria sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali. Il volume sarà spedito dal 17 maggio e arriverà in due giorni in tutta Italia. Oppure compralo a 20 euro nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco).

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia