Chi li ha visti?Che sta succedendo ai Cinquestelle (e perché i talk show fanno finta di niente)?

Il primo partito in Parlamento è dilaniato da una faida interna senza precedenti intorno a questioni di natura costituzionale, ancora prima che politica, eppure nessuno gliene chiede conto, come se fosse una cosa normale. Ma non è una cosa normale

Unsplash

Chi li ha visti? Più che Bianca Berlinguer o Corrado Formigli dovrebbe essere Federica Sciarelli a darsi da fare per portare in tv qualche leader dei Cinquestelle e chiedergli, come Michelangelo al suo Mosè, perché non parli? Perché nessun grillino spiega che cosa sta succedendo nel primo partito italiano (in realtà è il quarto, ma è il più rappresentato in Parlamento)?

Perché mentre prima, soprattutto ai bei tempi dell’abolizione della povertà (governo Conte 1 cosiddetto gialloverde), c’era sempre un Di Maio, un Toninelli, almeno un Buffagni, oggi nessuno di loro va in tv a spiegare qual è, se c’è, una svolta politica e “ideologica” del Movimento?

Perché l’avvocato Giuseppe Conte, a parte una noiosa riunione in streaming in cui non ha detto niente, non prova a farci capire lo stato dell’arte?

È una questione democratica, persino. Perché è tipico di un sistema politico sano che i partiti diano conto di ciò che si muove intorno e dentro di loro, mentre è nei regimi che tutto avviene nelle segrete stanze.

Eppure i famosi Stati generali del Movimento sono passati da mesi, nessuno organo direttivo è stato eletto, se n’è andato un pezzo da novanta come Alessandro Di Battista, decine di parlamentari – in barba alla mistica grillina – hanno tranquillamente trovato casa in altri gruppi parlamentari.

Davide Casaleggio è in rotta con i capi del Movimento creato da suo padre, mentre Repubblica ci informa che la Conte-revolution consisterebbe nell’adozione di uno slogan vecchio come il cucco, «né di destra né di sinistra», che poteva avere un senso nella stagione dell’assalto al cielo e del trionfo dell’antipolitica, mentre adesso odora di un qualunquismo che al confronto quello di Guglielmo Giannini era la quintessenza della raffinatezza politica.

E dunque che vuol dire questo «né di destra né di sinistra»? Che analisi fanno, i grillini, dello stato della sinistra italiana? Che giudizio danno della destra italiana? Che cosa significa avvicinarsi al Partito socialista europeo, ammesso che sia vero? O voler diventare una specie di partito verde? Quali sono insomma i capisaldi di teoria politica che sorreggono quel trito slogan in voga da sempre in certi annoiati salotti borghesi e nelle anticamere dei ministri di fine Ottocento?

Eppure la cosa è inquietante.

Non è infatti rispondente ai dati fattuali della Storia pretendere di dichiararsi né di destra né di sinistra (tutt’altra cosa è battersi per una nuova sintesi in grado di assimilare non ideologicamente ma sulla base della realtà storica elementi dell’una e dell’altra cultura formandone, hegelianamente, una del tutto nuova): tanto è vero che sempre, nella Storia reale, i sostenitori del «né di destra né di sinistra» sono regolarmente finiti molto a destra.

Non a caso, un volume della monumentale storia della Terza Repubblica francese dello storico israeliano Zeev Sternhell si intitola proprio “Ni droite ni gauche”, presupposto ideologico dello slittamento proto-fascista della destra francese; un topos ripreso decenni dopo da Marine Le Pen e da quel Nigel Farage presso il cui gruppo europeo i grillini trovarono la loro prima casa. E lasciamo stare, per brevità, il sansepolcrismo di Benito Mussolini o la triste esperienza dell’Uomo qualunque.

Ma comunque la si pensi, è innegabile la necessità democratica, diremmo così, per la quale i grandi anchorman e anchorwomen e anche i grossi commentatori dei giornali dovrebbero bombardare i grillini di richieste di chiarimento, qualcosa di molto diverso dai dieci secondi previsti dal Cencelli di viale Mazzini nei pastoni dei tg di solito affidati ai Licheri di turno.

I cittadini hanno il diritto di sapere tutto, finanche delle vicende finanziarie, e di aprire il Movimento cinque stelle come una scatoletta di tonno, e in nome della trasparenza e dell’igiene della politica hanno il dovere di stanarli dalle caverne in cui si sono rifugiati non sapendo cosa dire. Perché scappare è troppo comodo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionPreordina qui il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta

Ci siamo: il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova, è in stampa e sarà in distribuzione dal 15 maggio nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco), oltre che direttamente qui sul sito de Linkiesta.

Il tema del secondo numero di K è la Memoria.

Gli autori che hanno partecipato a questo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:
Viola Ardone, Stefania Auci, Silvia Avallone, Annalena Benini, Giulia Caminito, Donatella Di Pietrantonio, Davide Enia, Lisa Ginzburg, Wlodek Goldkorn, Loredana Lipperini, Pasquale Panella, Francesco Piccolo, Alberto Schiavone, Simonetta Sciandivasci, Andrea Tarabbia, Alessandro Zaccuri.

C’è anche l’anteprima dei romanzi di Karl Ove Knausgård e di Ali Smith, entrambi in uscita in Italia nei prossimi mesi.
Il volume ospita anche tre mini racconti di Stefania Auci, Rosella Postorino e Nadia Terranova.

Preordina K – Memoria sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali. Il volume sarà spedito dal 17 maggio e arriverà in due giorni in tutta Italia. Oppure compralo a 20 euro nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco).

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia