Asset classPerché è necessario che (anche) le società della finanza diventino sostenibili

Nell’anno della pandemia si è registrata un’ascesa dei mercati di titoli legati agli standard ambientali, sociali e di governance (Esg). In Italia però sono ancora pochissime le imprese che pur dicendosi amiche dell’ambiente non ne hanno colto l’importanza

unsplash

Nel suo consueto rapporto sulla stabilità finanziaria, il Fondo monetario internazionale (Fmi) ha rivelato che unitamente alla ripresa dell’economia, dopo il crollo legato alla crisi sanitaria globale, si è verificato un vero e proprio boom dei mercati di titoli legati agli standard di sostenibilità ambientale, sociale e di governance (Esg). Secondo gli esperti dell’istituzione di Bretton Woods, non ci troviamo di fronte a una bolla generata dalla situazione contingente bensì stiamo assistendo a un vero e proprio cambiamento di atteggiamento rispetto agli Esg da parte di larghe fasce di popolazioni sempre più consapevoli dei costi derivanti dai danni all’ambiente, dalla cattiva governance e dai conflitti. 

E dunque, come ha rilevato Tobias Adrian, direttore del dipartimento mercati monetari e dei capitali del Fmi, il primo fattore di crescita è proprio una vera allocazione di risorse da parte di istituzioni finanziarie e fondi di investimenti su questi titoli.

Effettivamente, se andiamo a guardare i numeri, per quel che riguarda le attività in fondi sostenibili, la fine dello scorso anno ha registrato una crescita record del 50% rispetto alla fine dell’anno precedente, con quasi 1.700 miliardi di dollari. Uno scenario questo, in cui l’Europa è di gran lunga il mercato più evoluto in quanto detiene, secondo i dati Morningstar, quasi il 70% dell’offerta di fondi sostenibili globali.

Anche se si iniziano a intravedere segnali di interesse crescente anche in altri mercati. Come ad esempio in quello degli Stati Uniti dove le vendite di fondi sostenibili hanno toccato i 50 miliardi di dollari. Più del doppio rispetto al 2019 e sicuramente sotto i riflettori viste le promesse di riforme green previste nel programma del nuovo presidente Joe Biden.

Tuttavia, nonostante la forte accelerazione che le tematiche ambientali, sociali e di governance hanno registrato negli ultimi anni anche in ambito finanziario, la strada da fare verso dei risultati che possano considerarsi realmente soddisfacenti, è ancora tanta. Infatti, secondo una recente inchiesta pubblicata dal settimanale di finanza e risparmio del Sole 24 Ore, una prova oltremodo significativa risiede nel numero estremamente esiguo delle aziende che hanno scelto e scelgono di realizzare su base volontaria la dichiarazione non finanziaria (Dnf). Tant’è che basta consultare il sito di Consob per verificare che effettivamente sono meno di 10.

Va detto però che, se è vero che la redazione della Dnf è obbligatoria solo per le grandi aziende che abbiano un numero di dipendenti superiore a 500, è altrettanto vero che oggi giorno all’interno di un bilancio, le informazioni non finanziarie sono una voce sempre più importante per consolidare un dialogo esaustivo e convincente con gli investitori, con i soci della società e con gli altri stakeholder.

Certamente dovrebbe essere molto vicina la fase conclusiva dell’iter di revisione della direttiva europea Non-financial reporting, la quale ha proprio l’obiettivo di ampliare a molti altri soggetti l’obbligo di dedicarsi alla Dnf. Cosa che probabilmente riuscirà finalmente a far comprendere alle piccole e medie imprese italiane il significato e il vantaggio di indicizzare e fornire al pubblico questo set di informazioni essenziali che sono più strettamente legate alla propria cultura d’impresa e al proprio modo di fare business non essenzialmente focalizzato al mero risultato economico.

Intanto però occorre diffondere la consapevolezza soprattutto in chi investe che per essere realmente sostenibili non bastano dunque né le belle pubblicità né gli annunci strombazzati se questi non siano poi effettivamente comprovati e rendicontati. Il rischio che si tratti di operazioni di mero greenwashing è dietro l’angolo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionOrdina qui il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta

Ci siamo: il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova, è in stampa e sarà in distribuzione da lunedì 17 maggio nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco), oltre che direttamente qui sul sito de Linkiesta.

Il tema del secondo numero di K è la Memoria.

Gli autori che hanno partecipato a questo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:
Viola Ardone, Stefania Auci, Silvia Avallone, Annalena Benini, Giulia Caminito, Donatella Di Pietrantonio, Davide Enia, Lisa Ginzburg, Wlodek Goldkorn, Loredana Lipperini, Pasquale Panella, Francesco Piccolo, Alberto Schiavone, Simonetta Sciandivasci, Andrea Tarabbia, Alessandro Zaccuri.

C’è anche l’anteprima dei romanzi di Karl Ove Knausgård e di Ali Smith, entrambi in uscita in Italia nei prossimi mesi.
Il volume ospita anche tre mini racconti di Stefania Auci, Rosella Postorino e Nadia Terranova.

Preordina K – Memoria sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali. Il volume sarà spedito dal 17 maggio e arriverà in due giorni in tutta Italia. Oppure compralo a 20 euro nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco).

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia