Come nel 2008Il piano di ripresa economica americano è più ricco e veloce di quello europeo

Gli Stati Uniti stanno spendendo più soldi e più rapidamente per sostenere la loro economia rispetto ai paesi dell’Unione europea. E anche se il piano di Biden si tradurrà in maggiori importazioni, non sarà l'eurozona a beneficiarne maggiormente

Pixabay

Pubblicato originariamente su European data journalism network

Un anno fa, il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti è salito a livelli record dal 4,4% al 14,8% nel giro di un mese. Ma ora, l’economia statunitense si sta riprendendo più velocemente della zona euro. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico calcola che la crescita negli Stati Uniti sarà del 6,5% nel 2021, rispetto al solo 3,9% nella zona euro. In Europa il ritardo è dovuto allo stallo vaccinale e della mancanza di misure economiche ambiziose che tardano a concretizzarsi.

La situazione però è lungi dal tornare alla normalità negli Stati Uniti, come ha sottolineato il 17 marzo Jerome Powell, presidente della Federal Reserve: «La ripresa economica rimane disomogenea (…) e il percorso da seguire è molto incerto. L’economia ha ancora circa 9,5 milioni di posti di lavoro al di sotto del suo livello pre-pandemia». A febbraio, il tasso di disoccupazione era al 6,2%, in aumento dal 3,5% prima della pandemia. Il suo declino è stato più lento dall’autunno e questa cifra non tiene conto dei cittadini che hanno semplicemente lasciato il mercato del lavoro e sono diventati inattivi a causa della pandemia.

Ma il pacchetto di stimoli da 1,9 trilioni di dollari di Joe Biden è stato approvato dal Congresso all’inizio di marzo potrebbe facilitare il rinnovamento della superpotenza economica americana. In agenda: pacchetti di aiuti per le famiglie, estensione delle indennità di disoccupazione introdotte da Donald Trump fino all’estate 2021, sostegno finanziario agli Stati che hanno sofferto di più durante la pandemia.

È difficile confrontare l’entità del sostegno fiscale nella zona euro e negli Stati Uniti. In effetti, l’acuta mancanza di reti di protezione sociale negli Stati Uniti richiede misure di sostegno al bilancio ad hoc molto maggiori in caso di crisi, mentre in Europa abbiamo una serie di “stabilizzatori automatici” per aiutare con la pandemia (assicurazione contro la disoccupazione, assicurazione sanitaria, ecc.). «Anche se mettiamo da parte questo aspetto, gli Stati Uniti sono ancora un passo avanti a noi in termini di stimoli», afferma Laurent Ferrara. «E il piano di ripresa europeo presentato come un importante passo in avanti?», Chiede Olivier Passet, direttore della ricerca di Xerfi: «750 miliardi di euro in tre anni, di cui 390 miliardi sono sovvenzioni e il resto sono prestiti. Meno dell’1% della spesa all’anno, mentre gli Stati Uniti o la Cina hanno previsto uno stimolo 5 o 10 volte più alto e molto più concentrato nel tempo».

Gli americani spendono più soldi per aiutare la loro economia e li spendono anche più velocemente. Milioni di americani hanno infatti già ricevuto gli assegni promessi da Joe Biden, mentre gli stati membri dell’UE non hanno utilizzato un solo centesimo dei 750 miliardi di euro promessi dal piano Next Generation EU. Quest’ultimo ha segnato un importante passo avanti consentendo alla Commissione europea di prendere in prestito, per la prima volta, un prestito condiviso a nome di tutti gli Stati membri. Ma i meccanismi sono lenti da impostare. Da un lato, mentre gli Stati membri hanno annunciato i loro piani nazionali di ricostituzione, nessuno ha ancora realizzato una versione finale né ha presentato formalmente il proprio Recovery Plan alla Commissione (hanno tempo fino al 30 aprile per farlo, dopodiché i piani dovranno essere convalidato dal Consiglio europeo). D’altra parte, l’istituzione deve attendere che tutti gli Stati membri la autorizzino ufficialmente attraverso i rispettivi parlamenti nazionali ad aumentare il massimale delle sue risorse per poter richiedere un prestito sui mercati. Finora hanno votato solo sedici Stati, compresa la Francia. Recentemente in Germania è stata sospesa la ratifica del piano europeo che rischia ulteriormente di prolungarne l’attuazione.

«Il fondo di recupero europeo finanziato dal debito da 750 miliardi di euro aumenterà la spesa per gli investimenti negli anni a venire (…). Ma ora spetta ai governi nazionali, alcuni dei quali altamente indebitati e a rischio di cadere in fallo nel sistema fiscale europeo, cambiare le regole in futuro – per rilanciare ulteriormente le loro economie», hanno osservato Christian Odendahl e John Springford, economisti del Center for European Reform e autori dell’articolo “Perché l’Europa dovrebbe spendere tanto come Biden”. Da qui l’importanza per l’Europa di concordare rapidamente il futuro delle sue regole di bilancio, che sono state temporaneamente sospese dall’inizio della pandemia fino alla fine del 2022.

«Si parla molto del debito in Europa, ma non è questo il problema al momento. La questione più urgente è come spendere i soldi con saggezza», dice Laurent Ferrara. Altrimenti si rischia un’altra crisi post-finanziaria come quella del 2008, quando gli Stati Uniti sono riusciti a riprendersi più velocemente dell’Europa, quest’ultima che ha fatto ricorso a un rapido ritorno all’austerità e alla sofferenza. Ciò è particolarmente vero poiché la campagna di vaccinazione lenta sta ulteriormente ostacolando la ripresa in Europa. Lanciato tredici giorni prima della nostra campagna, un rapporto di Natixis che spiega le differenze di crescita tra le due zone sottolinea: «il lancio della vaccinazione americana ha permesso a metà marzo di vaccinare il 33% della popolazione, contro l’11,6% in media in la zona euro».

Dato che gli Stati Uniti tradizionalmente importano più di quanto esportano (non a caso sono conosciuti a livello mondiale come il “consumatore di ultima istanza”), si potrebbe immaginare che il pacchetto di stimoli di Joe Biden avvantaggi indirettamente l’Unione europea attraverso un aumento delle esportazioni. Lo ha sottolineato Phillip Lane, capo economista della Banca centrale europea (BCE). Ma guardando i dati sul commercio di merci negli Stati Uniti Cina, Messico e Canada sono quelli che beneficeranno maggiormente di questo piano di ripresa. All’interno dell’Unione Europea, è la Germania, il 4° più grande fornitore degli Stati Uniti nel 2021, a trarne i maggiori benefici. «Gli esportatori tedeschi stanno beneficiando di una ripresa della crescita economica in Asia e negli Stati Uniti», ha recentemente riferito l’Istituto Ifo, un istituto di ricerca economica tedesco. Quindi c’è il rischio che il divario tra Berlino e il resto del continente si allarghi.

Chiaramente, l’Europa potrà fare affidamento solo sulle proprie misure di sostegno per uscire rapidamente dalla crisi pandemica. E c’è urgenza, sia sul fronte sanitario che su quello economico. Tuttavia «le possibilità che l’Europa emuli gli Stati Uniti e aumenti rapidamente il fondo per la ripresa e la resilienza [il principale strumento del piano di ripresa europeo – ndr] sono scarse», afferma Gilles Moëc, capo economista di AXA IM. Il meglio che possiamo sperare è un’accelerazione dei pagamenti su cui l’Europa si è già impegnata».