La danza delle oreCronaca (gastronomica) di una giornata italiana in dieci mosse

Dal caffè del mattino all’aperitivo, dal pranzo al tè del pomeriggio, le nostre giornate sono costruite su una tabella fatta di sapori e di profumi. E se quello che mangiamo e beviamo è buono, anche la nostra giornata sarà migliore

Riprendere il ritmo. È quello che tutti abbiamo fatto e stiamo facendo in queste giornate d’autunno, dopo esserci lasciati alle spalle le vacanze e l’estate. Un ritmo fatto di lavoro o di studio, di tempo per noi e per la famiglia, e che in ogni caso è scandito anche e soprattutto da cibo e bevande, compagni di viaggio in ogni giornata. E per una giornata italiana, perché non provare a comporre un quadro gastronomico tutto Italiano? Abbiamo selezionato 10 idee interamente made in Italy, una per ogni momento della giornata.

Ore 7. Il caffè
Quello della sveglia è il primo suono che arriva alle orecchie di milioni di persone. E il profumo del caffè è il primo odore a sfiorare le narici degli Italiani, a svegliarli, a chiamarli ad affrontare la giornata. Prima di qualsiasi gesto, prima di qualsiasi pensiero, una tazzina di caffè. Tutto arriva dopo. Morettino, storica torrefazione siciliana che ha appena festeggiato i 100 anni di attività, dedica alla propria terra “I Caffè di Sicilia”: una selezione di esclusive miscele di caffè artigianale macinato fresco, create dai maestri torrefattori Morettino per rispecchiare – attraverso gli aromi e i profumi – le caratteristiche tipiche dei territori a cui ciascun blend è dedicato. Ma non basta: la famiglia Morettino da circa 30 anni porta avanti un progetto sperimentale che ha visto nascere e crescere le piante di caffè anche sull’Isola. Il primo esperimento nel giardino della storica torrefazione conta circa 60 piante di Coffea Arabica nate dai semi donati negli anni Novanta dall’Orto botanico di Palermo e piantati a circa 350 metri sul livello del mare. Da questi semi sono cresciute negli anni le piante del caffè all’aria aperta, en plein air, che hanno saputo con coraggio adattarsi al clima siciliano a latitudini di gran lunga superiori rispetto a quelle della “Coffee Belt”, l’area tra i due Tropici in cui viene coltivato il caffè in America latina, Africa Orientale e Sud-Est Asiatico. Il percorso coinvolgerà università ed esperti del settore perché la Sicilia possa regalarci il primo caffè interamente italiano.

Ore 8. Colazione
Si può scegliere se farla al bar o in casa, ma mai e poi mai la colazione andrebbe saltata. E un ingrediente che dovrebbe essere sempre presente è il miele, energia pura per i grandi e per i bambini. Nel latte al posto dello zucchero, su una fetta di pane tostata o in un goloso abbinamento con la ricotta o ancora con yogurt greco e cereali: quest’ultima è una colazione perfetta in autunno, toccasana per le vie respiratorie in vista dell’inverno e dei mesi più freddi dell’anno. Perfetto per realizzarla il Miele di Fiori Gocce di Luce, raccolto in un territorio incontaminato tra la collina e la montagna emiliana ricco di botaniche diverse: in questa tenuta dove non si applicano metodi di lavorazione intensivi, dove sono banditi antibiotici e trattamenti chimici, dove perfino i decespugliatori sono sostituiti da asini che pascolano nei campi, si trovano oltre 200 essenze floreali italiane, che vanno a comporre il miele. Un miele che, oltre a dare pronta energia, contiene naturalmente sostanze ad azione antimicrobica e antiossidanti. A completare, lo yogurt greco, fonte di calcio e di proteine, ottimo per la regolarità intestinale, e un mix di frutta secca noci, nocciole e mandorle, fonte di fibre e di sali minerali e vitamine.

Ore 10,30. Merenda
A scuola o in ufficio a metà mattina c’è bisogno di una pausa, e c’è bisogno di qualcosa di buono per darsi una nuova carica. Ovviamente la merenda, fuori casa, deve essere facile da trasportare e possibilmente anche da piluccare, magari da sotto la scrivania o da sotto il banco. Un’idea perfetta sono i taralli. Quelli di Callipo sono taralli scaldati alle cipolle, integrali, al peperoncino, oppure classici, sempre gustosi e fragranti come vuole la tradizione. Si possono acquistare online oppure negli store: ed è notizia recentissima l’apertura a Roma del primo flagship store “Callipo 1913” fuori dai confini calabresi, dove si possono trovare, oltre ai taralli, le pregiate conserve ittiche note in tutto il mondo, e poi confetture, composte, miele, accanto a una selezione di prodotti della Callipo Gelateria come i tradizionali tartufi di Pizzo.

Ore 13. Pranzo
In una giornata lavorativa il pranzo deve essere veloce e leggero. Bisogna poterlo preparare rapidamente, ma per assaporarlo dobbiamo prenderci il giusto tempo. Cappellini Laboratorio Vegetale si propone come una grande novità tra i prodotti “ready to eat”, che grazie ai metodi della bassa temperatura e del sottovuoto, mette d’accordo: gusto, praticità e salubrità. In particolare, questo nuovo brand ha creato una collezione di prodotti pronti da scaldare: 100% vegetali, naturali e senza conservanti. Si tratta di una collezione di prodotti a base di verdura e frutta di qualità elevata, lavorata artigianalmente e totalmente naturale perché priva di conservanti o additivi. Si può scegliere tra zuppe e minestre, tra insalate estive, tra mix di verdure o singoli ortaggi, da mangiare così come sono o da scaldare brevemente: basta avere a disposizione un piccolo microonde in ufficio e il gioco è fatto. E anche per chi è a casa, da solo o con figli che tornano affamati da scuola, ci sono sicuramente proposte che possono “risolvere” il momento del pranzo.

Ore 16. Piccola coccola a metà pomeriggio
Ma quando finisce questa giornata? Ci vuole un piccolo aiuto. Ci vuole un cioccolatino. Zaini propone, a partire dalla linea di Tavolette “Le nuove donne del cacao”, delle mini tavolette, cioccolatini al 100 per 100 cacao, dedicate a chi ama il sapore più intenso del cioccolato. I visi delle donne sulle confezioni corrispondono ad alcune delle protagoniste di una Cooperativa agricola della Costa d’Avorio per le quali la Zaini ha sostenuto un progetto di imprenditoria femminile sul territorio dal 2015.

Ore 17. Tè
Usanza inglese, bevanda orientale. Eppure in un pomeriggio italiano, magari con due gocce di pioggia autunnale che fanno un po’ Londra, ci si può coccolare con un tè italiano. La Via del Tè, brand fiorentino, compie 60 anni e li celebra con la creazione di una miscela di tè tutta italiana. Il tè verde di base, raccolto a mano all’inizio di giugno 2021 e lavorato artigianalmente, è il risultato della partnership tra La Via del Tè e la piantagione sperimentale di Premosello in Val d’Ossola, vicino al Lago Maggiore. A questo ingrediente sono stati aggiunti petali di rosa italiana e scorza di bergamotto italiano. Il risultato è una miscela morbida con leggere note di castagna, tipiche dei migliori tè verdi e profumo di agrume. Nasce così la miscela Anniversario, una edizione speciale per i 60 anni a tiratura limitata, ma l’obiettivo ultimo è quello di riuscire a creare la prima produzione stabile di tè italiana.

Ore 19. Aperitivo
Dopo il lavoro, con gli amici, ora che si può di nuovo, l’aperitivo è uno dei momenti più attesi della giornata. Uno spritz, un analcolico alla frutta, o un gin tonic. Per preparare un cocktail a base di gin da manuale ci si può affidare a The gin way che offre ogni mese una box con un gin diverso, accompagnato da bibite, snack e gadget per preparare e servire un drink perfetto. Gli ingredienti sono nella box, le ricette le trovate sul sito, dalle più classiche alle più originali. La compagnia e la voglia di rilassarsi ce le dobbiamo mettere noi.

Ore 20. Cena
Finalmente a casa. Finalmente a tavola. Un piatto di spaghetti, un bel minestrone fumante, un saporito spezzatino… la tradizione italiana offre spunti infiniti. Ma non sempre abbiamo voglia di cucinare. Non sempre abbiamo voglia di uscire. Non sempre abbiamo voglia, e basta. E allora via di delivery. Pizza, sushi, cinese, ne abbiamo viste e ordinate di ogni genere. E adesso si fa largo una via che sa davvero di cena in famiglia, ma che è insieme sfiziosa e originale. Rosita Galletto e Birra, catena di ristornanti brianzola, sbarca a Milano e riporta alla ribalta il galletto della Vallespluga. I galletti, cresciuti all’aria aperta nel verde delle fattorie in provincia di Sondrio, a ridosso delle Alpi, e nutriti con mangimi vegetali sono cucinati con cura, cotti alla brace e speziati, secondo tradizione. I galletti si possono gustare nei ristoranti o ordinare a domicilio. In ogni caso andranno mangiati con le mani, come si faceva da piccoli, per apprezzarli a pieno. La pelle croccante, il sapore piccantino, il contorno di patate o di verdure, ci sono tutti gli ingredienti per una cena perfetta.

Ore 20,30. Un calice di vino
E a cena non può mancare un buon bicchiere di vino. Bianco o rosso? Facciamo un rosato, e mettiamo tutti d’accordo. Il Lagrein Rosè di Hofstatter non può deludere: ha la freschezza, la leggerezza e il profumo di un vino bianco e il carattere, la morbidezza e le note di polpa fruttata di un vino rosso. È versatile nell’abbinamento, si sposa con gli antipasti, con il pesce, con i primi e con le carni bianche, si può sorseggiare come aperitivo, e ha un aroma che regala allegria, che ricorda le montagne e che fa pensare alle vacanze, quelle passate o, perché no, le prossime. Perché alla fine di una giornata di lavoro, nel bicchiere vogliamo un sorso di gioia e spensieratezza.

Ore 23,30 Un pensiero felice
Per dormire bene non basta essere stanchi: abbiamo bisogno di un pensiero felice, come Peter pan per volare. Possono essere i figli che riposano nella stanza accanto, la persona amata, vicina o lontana che sia, o anche solo una pianta di cui ci prendiamo cura, o un luogo che amiamo. Ecco: pensare alla prossima vacanza spesso aiuta a rilassarsi. Magari al mare, magari senza aspettare l’estate, magari tra gli uliveti e i vigneti.  The sense è un experience resort che si propone di far vivere agli ospiti delle esperienze alla scoperta del territorio e di far sentire la natura con tutti e cinque i sensi. Affacciato sul Golfo di Follonica, nel cuore della Maremma, propone ai suoi ospiti fino a fine ottobre un’esperienza che vede protagonista l’olio di oliva: passeggiando nella splendida campagna toscana, si potranno osservare operazioni di raccolta delle olive, per proseguire con la visita a un’azienda fra le più note del panorama olivicolo nazionale come quella di Giorgio Franci, e concludere con degustazione di olio extravergine toscano nuovo, fresco di frantoio, magari sulla classica “fettunta” toscana o in piatti tradizionali che lo valorizzino.

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club