Corone e crono programmiTavole reali, in tutti i sensi

Com’era prevedibile la scomparsa della regina Elisabetta ha dettato l’agenda della settimana. Ma vi abbiamo parlato anche di altro e tantissimo del nostro Festival, il cui programma, pezzetto dopo pezzetto, prende forma

Foto Unsplash

PIATTO DEL GIORNO
Il nostro Festival è sempre più vicino e non vediamo l’ora di accogliervi. Ma prima, qualche spoiler sul programma. Il pomeriggio del giorno del Festival di Gastronomika è il pubblico il vero protagonista: i talk che si susseguiranno a partire dalle 14.30 il 5 ottobre al teatro Franco Parenti saranno un’occasione di confronto e di incontro aperta a tutti. CI SI ISCRIVE QUI.

Un momento per mettere in contatto tutti i tasselli che compongono il mondo del cibo e speriamo che sarete in tanti. Nel frattempo, continuiamo a raccontarvi i tavoli di lavoro della mattina, e i loro protagonisti. Partiamo dai modelli funzionali di nuove buone pratiche, dove gli artigiani hanno scelto una nicchia, basando il proprio modello di impresa su piccoli numeri quindi analizzeremo il rapporto tra calici, Millennials e GenZ, per capire le scelte enologiche dei più giovani. E infine andremo ad analizzare il lavoro di chef e camerieri, che è da rifondare, con personale di sala introvabile, cuochi che cambiano vita e ristoratori alle prese con continui turn over. Trovare una via d’uscita tra incognite reali e luoghi comuni, è una delle ambizioni del nostro Festival.

ALLA CARTA
Se siete impressionabili, passate oltre. Perché la lista delle bizzarrie gastronomiche in giro per il mondo non conosce limiti e a tutte le latitudini ci sono ricette che mettono alla prova anche gli appetiti più tenaci: siamo andati a scovare solo ricette per stomaci forti.

E se queste non fanno per voi, che ne dite di provare con lo street food boliviano? Salteñas, chicharrón, sopa de manì, kalapurka, api e molto altro, ecco un viaggio tra le prelibatezze di un paese sudamericano che vive (e mangia) rigorosamente per strada.

Preferite sapori più consueti? A spasso tra le leggende di Messina e i panorami di Milazzo si pasteggia con una pizza e una pagnotta alla disgraziata. Spesso attraversati di fretta, questi luoghi se percorsi con calma, si rivelano ricchi di storia, leggende e indirizzi golosi: è la bellezza dei territori di confine.

E se invece siete più a Nord, ecco ciò che fa per voi: gli appassionati di stoccafisso sono in festa a Sandrigo. Mesi e mesi di lavoro per portare dal 15 al 26 settembre in provincia di Vicenza il meglio della cultura e del gusto di questo prodotto dalla storia antichissima.

DALLA GRIGLIA
Ma veniamo alle cose pratiche della vita, che poi spesso sono le più importanti. Avete grigliato? Adesso tocca pulire. Settembre, è tempo di spazzare. Pochi semplici passaggi, qualche arnese del mestiere e un po’ di olio di gomito per garantire lunga vita al vostro barbecue. E dopo il bbq, è tempo di camini accesi. Un fuoco solo, per scaldare e per cucinare: i nostri nonni sapevano come fare economia. Dovremmo recuperare parte della loro saggezza. E magari anche l’uso dei focolari, al momento proibito in tante zone d’Italia.

CARTA DEI DOLCI
Sui dolci questa settimana non potremmo essere più distanti: da una parte il cornetto più caro al mondo in onore di San Gennaro che ha dato lo spunto per un piccolo sfogo alla redazione, dall’altra la torta ai datteri dedicata alla regina Elisabetta II, che ha influenzato con le sue preferenze alimentari anche il nostro modo di mangiare e bere. I suoi gusti a tavola hanno dato vita a dei must, che le sopravvivranno nelle nostre abitudini.

CARTA DEI COCKTAIL
Ricominciamo il nostro viaggio nel mondo della miscelazione,e scopriamo alcuni tra i personaggi e i locali che più stanno facendo scuola e tendenza. Vi abbiamo raccontato chi è Julian Biondi e cosa bolle in pentola a Firenze, dove abbiamo scoperto le tante facce – e professionalità – che caratterizzano un insaziabile e appassionato professionista.

Siamo poi stati da L’Antiquario, a Napoli, dove il successo passa dalla qualità.
Se invece siete più da sapori semplici, vi abbiamo portati in Slovenia, dove c’è la fontana della birra: a Žalec per promuovere il prodotto locale più noto hanno realizzato un monumento in onore del luppolo. E a Capodistria si bevono Malvasia, Chardonnay e Refosco alla spina nei vigneti più antichi d’Europa.

Siamo giunti al termine, e per questo fine settimana noi ci affidiamo a un book club gastronomico che attraverso i libri permette di dare a Parma quel che mancava alla food valley italiana. E già che ci siamo diamo un’occhiata ai panettoni vincitori del concorso Panettone Day 2022. Per pensare al Natale non è mai troppo presto.

Buona cucina!

Anna Prandoni

Questa è parte della newsletter di Gastronomika che arriva puntuale ogni venerdì all’ora di pranzo. Per riceverla, ci si iscrive qui

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter