Un anno dopoQuasi 200mila soldati russi sono stati uccisi e feriti in Ucraina

Mosca sta inviando reclute scarsamente addestrate, inclusi detenuti, per aprire la strada a combattenti più esperti. Lo scrive il New York Times, spiegando che l’aumento delle vittime è legato agli scontri a Soledar e Bakhmut

AP/Lapresse

Il numero dei soldati russi uccisi e feriti in Ucraina si sta avvicinando dopo 11 mesi di guerra a 200mila, otto volte di più di quello dei militari degli Stati Uniti in due decenni di conflitto in Afghanistan. È la stima degli ufficiali americani e occidentali, scrive il New York Times.

L’ultima stima pubblica dell’amministrazione di Joe Biden risale a novembre, quando il capo dello stato maggiore congiunto Mark Milley parlò di oltre 100mila soldati morti e feriti da ambo le parti. A far impennare i numeri sono gli scontri a Soledar e a Bakhmut. Mosca sta inviando reclute scarsamente addestrate, inclusi detenuti, in prima linea nell’Ucraina orientale, per aprire poi la strada a combattenti più esperti.

L’aggressione voluta da Vladimir Putin non procede certo secondo i suoi piani. Ma gli analisti russi affermano che è improbabile che la perdita di vite umane sia un deterrente per gli obiettivi di guerra del presidente russo. Non ha opposizione politica in patria e ha inquadrato la guerra contro Kyjiv come il tipo di lotta che il Paese ha affrontato nella seconda guerra mondiale, quando morirono più di 8 milioni di soldati sovietici.

Secondo i funzionari statunitensi, Putin può sostenere centinaia di migliaia di vittime in Ucraina, sebbene un numero più elevato potrebbe ridurre il suo sostegno politico.

Le newsletter
de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter