Quesiti linguisticiPerché si dice «insipido»? Risponde la Crusca

Si può usare anche nel significato di “poco dolce”. Ma si può ipotizzare che forse in futuro si sentirà il bisogno di creare un termine nuovo per qualificare qualcosa come “meno amaro”, o magari “meno piccante”, di quanto si vorrebbe

(Unsplash)

Tratto dall’Accademia della Crusca

Ci sono pervenute varie domande sull’aggettivo insìpido: come mai come contrario di sàpido si usa questa forma, e non insàpido? Esiste un aggettivo corrispondente per indicare qualcosa di poco dolce?

Risposta
Sapido ‘saporito’ e insipido ‘privo di sapore’ sono due aggettivi (entrambi usati sia in senso proprio, sia con valore figurato, per riferirsi non solo a cibi, ma anche, per esempio, a commedie, romanzi, film, e talvolta pure a persone) che l’italiano non ha ereditato direttamente dai corrispondenti latini sapĭdus e insipĭdus (entrambi, peraltro, documentati piuttosto tardivamente), ma ha ripreso per via dotta già in epoca antica: sono infatti datati intorno alla metà del Trecento nei principali dizionari e il corpus OVI per sapido registra un esempio ancora più antico (1299-1309) del mantovano Vivaldo Belcalzer. La differenza di timbro della vocale tonica dei due aggettivi (alla base dei quali c’è il verbo sapĕre ‘aver sapore’) risale dunque al latino, che aveva una regola fonologica, detta tecnicamente apofonia, che si applicava, tra l’altro, nella formazione dei verbi e degli aggettivi prefissati: si pensi, per restare nella famiglia di sapĕre, a consipĕre ‘avere esatta cognizione di sé’, formato col prefisso con-, e alla coppia sapiens e insipiens, il secondo formato dal primo col prefisso negativo in-, dai quali derivano gli italiani sapiente e insipiente, aggettivi in cui si ha la stessa alternanza vocalica che c’è tra sapido e insipido.

La presenza di insipido non ha però impedito all’italiano di formare, secondo le proprie regole di derivazione, che contemplano anch’esse l’uso del prefisso negativo in-, da sapido, il contrario insapido. Una ricerca effettuata in Internet con Google il 12 agosto 2022 restituisce circa 2.500 risultati (un solo esempio, da tripadvisor.it (“cibo insapido ma conto bello salato”). E non si tratta di una formazione recente: in Google libri troviamo vari esempi, il più antico dei quali risale al secolo XVI:

Il gusto brama il dolce, o sapido, l’amaro e l’insapido l’attrista. L’odorato brama soave fragrantia, il fetore l’a(m)morba. L’udito vuole harmonia e concinnitade, il dissona(n)te l’adira. (Levanzio da Guidicciolo, Antidoto della gelosia, Venezia, Francesco Rampazetto, 1565, p. 100)

Diverse attestazioni si datano nel corso dell’Ottocento e ne riporto solo un paio:

Lasciate depositare questa precipitazione, decantate il liquido che le soprastą e lavate a più riprese il residuo in acqua distillata, finché diventi insapido. (“Bollettino delle cognizioni industriali, divettovali e scientifiche”, 1834, p. 150)

[…] attenuata la vendita dei zibibbi, non più richiesti dalla comune dei consumatori, i giardinieri furono obbligati a convertirli in vinello insapido ed acquitrinoso, non buono per l’imbottaggio in magazzino, né utile per resistere alle lunghe navigazioni. (Ferdinando Alfonso, Trattato sulla coltivazione degli agrumi, Palermo, L. Pedone Lauriel, 1875, p. 165)

Seppure dunque attestato da secoli fino alla contemporaneità, l’aggettivo insapido è sempre rimasto di uso marginale e nessun dizionario lo registra, né tra quelli sincronici, né tra quelli storici. Meglio, dunque, usare insipido, che ha dalla sua la forza della tradizione.

E veniamo alla questione del corrispondente di insipido riferito a qualcosa di “poco dolce”. Si potrebbe pensare a un “vuoto oggettivo”, che cioè l’italiano non abbia un termine specifico per esprimere il concetto; in realtà – sebbene i dizionari non siano molto espliciti al riguardo (ma vedi sotto) – insipido, significando ‘privo di sapore’, può riferirsi anche al dolce, benché non ci sia dubbio che (così come i suoi sinonimi sciapo, scipito, sciapito e sciàpido, alcuni dei quali usati soprattutto in area centrale) venga usato prevalentemente con riferimento alla scarsità di sale (a cui si riferiscono invece specificamente il toscano sciocco e il latinismo insulso, dal latino insulsus, formato da in- con valore privativo e salsus ‘salato, spiritoso’, usato però prevalentemente con valore figurato).

Ce ne accorgiamo, per esempio, dal fatto che in medicina si parla di diabete insipido (locuzione registrata, per es., nel GRADIT) per indicare la ‘malattia caratterizzata da emissione di grande quantità di urina’. Per cogliere la ragione di questa denominazione (e quindi la sua importanza ai nostri fini), è utile leggere quanto riporta il sito healthy.thewom.it (consultato il 17 agosto 2022):

La definizione di “insipido” deriva da una reminiscenza ormai datata, con cui si sarebbe (in via quasi leggendaria) potuta fare un’empirica diagnosi differenziale tra un paziente affetto da diabete mellito ed uno da diabete insipido: in entrambi i casi si riscontra un aumento della quota di urine, ma:
– nel caso del paziente con diabete mellito le sue urine, se assaggiate, risulterebbero dolci poiché l’aumentata quota di zuccheri nel sangue si ripercuote in un aumento della quota di zuccheri nelle urine;
– nel paziente con diabete insipido le urine risulterebbero invece “insipide”, poiché la quota di zucchero sarebbe quella normalmente escreta, anzi, addirittura più diluita.

CONTINUA A LEGGERE

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club