Morso alla melaL’Antitrust indaga Apple per la posizione dominante nel mercato app in Italia

Secondo l’Autorità garante della concorrenza, l’azienda di Cupertino potrebbe aver svantaggiato le applicazioni concorrenti rendendo più difficile la disponibilità dei dati relativi alla profilazione degli utenti e all’efficacia delle campagne pubblicitarie

Unsplash

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato in Italia ha avviato una indagine per capire se Apple sta abusando di una posizione dominante nella distribuzione online di app per gli utenti che usano il sistema operativo iOS. A insospettire l’antitrust è la decisione della multinazionale statunitense di applicare dall’aprile 2021 una politica più restrittiva sulla privacy ai concorrenti, rispetto alle app prodotte da Cupertino. «Apple impone soltanto ai concorrenti l’utilizzo di un prompt di richiesta del consenso in posizione di maggior risalto rispetto a quello dell’opzione per negare il consenso e utilizza una formulazione linguistica dissuasiva del tracciamento», si legge nel comunicato pubblicato sul sito dell’Antitrust.

«Inoltre, gli sviluppatori e gli inserzionisti terzi appaiono svantaggiati in termini di qualità e di dettaglio dei dati messi a disposizione da Apple e relativi all’efficacia delle campagne pubblicitarie sulle loro applicazioni. Ciò accade per le caratteristiche tecniche dell’interfaccia di programmazione cui possono accedere – SkadNetwork – che appare molto meno efficace rispetto ad Apple Ads Attribution, lo strumento che Apple adotta per sé stessa»

La disponibilità dei dati relativi sia alla profilazione degli utenti sia alla misurazione dell’efficacia delle campagne pubblicitarie sono elementi essenziali per l’appetibilità degli spazi pubblicitari venduti dagli sviluppatori di app e acquistati dagli inserzionisti. Per questo, secondo l’Autorità, la presunta condotta discriminatoria di Apple può causare un calo dei proventi della pubblicità degli inserzionisti terzi, a vantaggio della propria divisione commerciale; ridurre l’ingresso e/o impedire la permanenza dei concorrenti nel mercato dello sviluppo e della distribuzione di app; avvantaggiare le proprie app e, di conseguenza, gli apparati mobili e il sistema operativo iOS Apple.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter