FinalmenteL’Ucraina riceverà sessantuno caccia F-16 da Danimarca e Paesi Bassi, ma solo a fine anno

Il presidente Zelensky annuncia l’accordo strategico con Copenaghen e Amsterdam per la fornitura dei preziosi velivoli: «Una decisione storica. Un altro passo verso il rafforzamento dello scudo aereo dell’Ucraina»

Unsplash

Finalmente l’Ucraina riceverà dall’Occidente l’unica arma che può assicurare un vantaggio significativo nei cieli contro la Russia. Uno strumento fondamentale per resistere se l’invasione russa dovesse protrarsi ancora a lungo. Lo ha annunciato il presidente ucraino Volodymir Zelensky dopo aver incontrato il premier uscente olandese Mark Rutte e la prima ministra danese Mette Frederiksen. Grazie alla decisiva mediazione degli Stati Uniti, produttori dei caccia multiruolo F-16, Danimarca e Paesi Bassi si sono mimpegnati a consegnare a Kyjiv sessantuno velivoli, entro fine anno. «Una decisione storica. Un altro passo verso il rafforzamento dello scudo aereo dell’Ucraina», ha scritto Zelensky pubblicando un selfie con il premier Rutte. 

Il presidente ucraino che oggi sarà ad Atene per partecipare a una cena ci leader dei Paesi dei Balcani occidentali organizzata dal premier greco Kyriakos Mitsotakis, su Telegram ha spiegato di aver avuto un colloquio «specifico, sostanziale e potente» con la premier danese e che i piloti e ingegneri ucraini hanno già iniziano l’addestramento in Danimarca per imparare a usare i diciannove F-16 forniti da Copenaghen.

Come spiegato in un nostro lungo approfondimento, l’F-16 è un caccia multiruolo prodotto a partire dagli anni Settanta e aggiornato numerose volte. Si definisce “multiruolo” perché, pur nascendo come aereo da superiorità aerea – cioè concepito per abbattere gli aerei nemici –, è in grado di svolgere diversi tipi di missione, anche l’attacco contro obiettivi di terra. Inoltre è dotato di una serie di miglioramenti (radar molto efficaci, munizioni guidate di alta qualità e diverse funzioni high-tech) non presenti nei Mig-29 ucraini. L’addestramento per il suo utilizzo però è difficile e richiede almeno sei mesi. 

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter