Le vin en rose Il metodo CIELab per l’analisi del colore entra a far parte di un prestigioso disciplinare

Le sfumature del Franciacorta Rosé si preparano a diventare sempre più riconoscibili grazie alle recenti innovazioni volute dal Consorzio

Foto Franciacorta

Quando passeggiamo con esitazione lungo le corsie del supermercato, o studiamo scrupolosamente gli scaffali di un’enoteca in cerca del vino perfetto per un’occasione importante, il primo fattore discriminante è il colore. I più illuminati avranno forse superato gli stereotipi “bianco-pesce” e “rosso-carne” ma, a prescindere dal pasto che la bevanda andrà ad accompagnare, il suo colore sarà inevitabilmente e inconsapevolmente determinante ai fini dell’acquisto, soprattutto quando si parla di rosé.

 

Questa proprietà spesso banalizzata costituisce l’ago della bilancia in presenza di più opzioni valide: se in passato l’interazione con il colore era contestuale al consumo, le bottiglie trasparenti di (relativamente) recente introduzione hanno anticipato il contatto, rendendolo oggetto di interessanti ricerche di neuromarketing. E così alcune bottiglie vengono preferite ad altre solo in virtù delle emozioni che certe tonalità riescono a suscitare.

Il mondo dei rosati è quello indubbiamente più impattato per quel che concerne il legame tra colore e processo decisionale del cliente finale, e dunque non stupisce che sia proprio questo il settore in cui la colorimetria applicata all’enologia si è sviluppata maggiormente.

 

CONTINUA A LEGGERE QUI

 

Le newsletter
de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter