Località ignotaÈ scomparso Vladimir Kara-Murza, giornalista e politico oppositore di Putin

Un altro critico del regime di Mosca è sparito da diverse ore. Lo scorso aprile era stato condannato a venticinque anni di carcere per alto tradimento, ma adesso si sono perse le sue tracce e si teme per la sua incolumità

AP/Lapresse

Vladimir Kara-Murza è scomparso. La posizione del giornalista, attivista e oppositore del regime russo di Vladimir Putin, in carcere dallo scorso aprile, è sconosciuta. Chi ha provato a fargli visita o a inviargli una lettera non è riuscito a rintracciarlo.

Kara-Murza, quarantadue anni, sta scontando una condanna a venticinque anni di carcere per alto tradimento e inizialmente era detenuto in una prigione siberiana, nella regione di Omsk. Ma una lettera inviatagli dall’attivista e giornalista Alexander Podrabinek è stata rispedita al mittente con l’annotazione che il detenuto non si trovava più lì, come ha scritto ieri lo stesso Podrabinek su Facebook.

E sempre ieri Evgenia Kara-Murza, moglie di Vladimir, ha scritto su X (ex Twitter) di aver capito che dopo quattro mesi di isolamento nella colonia penale siberiana di Omsk – sud ovest della Russia – il marito è stato trasferito in un luogo sconosciuto. «Non ci sono motivi per il suo trasferimento e questo rende la cosa ancora più spaventosa perché mio marito è nelle mani delle stesse persone che hanno tentato di ucciderlo due volte, nel 2015 e nel 2017. Chiedo che il governo russo ci fornisca informazioni su dove si trova mio marito», ha scritto Evgenia Kara-Murza.

Vadim Prokhorov, uno degli avvocati di Kara-Murza, ha detto che a un altro avvocato che ha cercato di visitare il detenuto è stato detto che questi non era in prigione.

Come spiega il Guardian, i trasferimenti all’interno del sistema carcerario russo sono coperti da un’alta segretezza e può capitare che si perdano i contatti con i detenuti anche per diverse settimane, anche se le famiglie degli stessi carcerati andrebbero informate su ogni nuova posizione entro dieci giorni dal trasferimento. A dicembre, ad esempio, chi aveva provato a dialogare con il massimo esponente dell’opposizione russa, Alexei Navalny, aveva fatto sapere che era impossibile contattarlo né sapere con certezza la sua posizione.

Vladimir Kara-Murza è sopravvissuto due volte ad avvelenamenti che avrebbero avuto come mandante prorio le autorità russe e ha paragonato i processi a cui è stato sottoposto a quei processi farsa che avvenivano nell’Unione Sovietica, sotto la dittatura di Joseph Stalin. Kara-Murza è stato arrestato nel 2022 e successivamente condannato a venticinque anni di carcere con lìaccusa derivante da un discorso dello stesso anno alla Camera dei rappresentanti dell’Arizona in cui aveva denunciato l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Le newsletter
de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter