La nostra oraIl gran discorso di Joe Biden per celebrare lo sbarco in Normandia e la difesa dell’Ucraina

Il presidente degli Stati Uniti ha commemorato i soldati protagonisti della più importante operazione militare della Seconda Guerra Mondiale e ha spiegato che adesso spetta alla nostra generazione difendere l’Europa dalle dittature

Unsplash

Pubblichiamo il discorso del presidente degli Stati Uniti Joe Biden che ha tenuto in Francia in occasione dell’ottantesimo anniversario del D-Day, quando le forze americane e alleate presero d’assalto le spiagge della Normandia per sconfiggere la Germania nazista e alla fine della Seconda Guerra Mondiale.

L’ora era quasi giunta. Lunedì 5 giugno 1944. Il malvagio e spietato Terzo Reich stava devastando il mondo. La Germania nazista aveva sottomesso le nazioni europee un tempo libere attraverso la forza bruta, le menzogne e la contorta ideologia della superiorità razziale. Milioni di ebrei uccisi nell’Olocausto. Milioni di altri uccisi dalle bombe e dai proiettili. Una guerra sanguinosa. Hitler e quelli come lui pensavano che le democrazie fossero deboli, che il futuro appartenesse ai dittatori. Qui, sulle coste della Normandia, quella mattina di giugno si sarebbe combattuta la battaglia tra libertà e tirannia. La sfida era alle porte. 

Presidente Macron, Madame Macron, Segretario Austin, Segretario Blinken, illustri ospiti, e soprattutto i nostri onorati reduci che hanno affrontato quella prova ottanta anni fa. Ottanta anni fa, oggi, in nome del popolo americano. E come comandante in capo, è il più grande onore potervi salutare ancora una volta qui in Normandia. A tutti voi: Dio vi ama. Winston Churchill definì ciò che accadde qui, cito,« la più grande e complicata operazione di sempre». 

Dopo anni di pianificazione, l’Operazione Overlord era pronta per essere lanciata non appena il tempo si fosse addolcito sulla Manica. Il comandante supremo degli alleati, Dwight D. Eisenhower, aspettava la più grande forza mai realizzata nel suo genere, costruita da dodici nazioni, uomini, cannoni, aerei, imbarcazioni navali di ogni tipo. Li aspettava il mondo prigioniero e il mondo libero. Alla fine, i meteorologi di Eisenhower dissero che c’era una finestra di tempo da sfruttare. Si sarebbe aperta brevemente martedì 6 giugno. Il generale valutò le opzioni e diede l’ordine. All’alba, gli alleati avrebbero colpito. 

La grande crociata per liberare l’Europa dalla tirannia sarebbe iniziata. Quella sera, il generale Eisenhower si recò nella cittadina inglese di Newbury per visitare i paracadutisti della 101ª aviotrasportata. Erano uomini provenienti da tutta l’America. Si stimava che l’ottanta per cento di loro sarebbe stato ucciso entro poche ore. Questa era la stima. Ma erano coraggiosi. Erano risoluti e pronti. 

Un soldato disse al generale Eisenhower, cito: «Non si preoccupi, signore, il 101° è al lavoro. Si occuperà di tutto». Ecco cosa disse. E grazie al loro coraggio e alla loro determinazione, grazie al coraggio e alla determinazione dei loro alleati, si è pensato a tutto dal mare e dal cielo, quasi centosessantamila truppe alleate sono scese in Normandia. Molti, come è ovvio, non tornarono mai a casa. Molti sopravvissero a quel lunghissimo giorno, continuarono a combattere per mesi fino alla vittoria finale. 

E alcuni di loro, un gruppo notevole di quei fratelli è qui con noi oggi. Kenneth Blaine Smith è qui, quel giorno, sotto il fuoco dell’artiglieria pesante, ha manovrato un telemetro e un radar sulla prima nave americana ad arrivare sulle coste della Normandia, fornendo un supporto di fuoco diretto ai Ranger che scalavano le scogliere di Pointe du hoc nella loro audace missione di abbattere le batterie tedesche. Bob Gibson è qui. È sbarcato su Utah Beach circa dieci ore dopo l’inizio dell’invasione. I proiettili volano dappertutto. Traccianti che illuminano il cielo. Bob guidava un trattore M4 con cannone antiaereo montato in cima, fornendo una protezione fondamentale per la fanteria contro l’aviazione tedesca. Quel giorno, e per molti giorni successivi, ha continuato a combattere. 

Ben Miller è qui, un medico dell’82° aviotrasportato. Alle 3 del mattino del 6 giugno, lui e altri tredici medici sorvolarono il canale con un aliante sgangherato. Le sue ali furono strappate da pali giganti che i tedeschi seppellirono a metà strada nel terreno per impedirne l’atterraggio. Si schiantarono, ma sopravvissero e fecero il loro dovere, trascinando i soldati feriti in salvo. Curando le ferite. Salvando vite. Mentre la battaglia infuriava, ogni soldato che prese d’assalto la spiaggia. Chi si è lanciato con il paracadute o è atterrato con l’aliante.

Ogni marinaio che ha presidiato le migliaia di navi e mezzi da sbarco, ogni aviatore che ha distrutto campi d’aviazione, ponti e ferrovie controllati dai tedeschi, ognuno di loro è stato aiutato da altri americani coraggiosi, tra cui centinaia di migliaia di afroamericani e donne che hanno servito con coraggio nonostante le ingiuste limitazioni su ciò che potessero fare per la loro nazione.

Lewis Brown è qui, parte del Red Ball Express, un convoglio di camion composto per lo più da autisti afroamericani. Sbarcarono in Normandia all’indomani del D-Day. Portarono i rifornimenti alle linee del fronte che avanzavano rapidamente. Woody Woodhouse è qui. Membri dei leggendari Tuskegee Airmen che hanno volato per oltre quindicimila volte durante la guerra. Marjorie Stone è qui. Si arruolò nel ramo femminile della Riserva Navale, divenne meccanico di aerei e passò la guerra a mantenere in volo gli aerei e i piloti americani.

Questa è sempre stata la storia dell’America. Basta percorrere le strade di questo cimitero come ho fatto io. Quasi diecimila eroi sepolti fianco a fianco. Ufficiali e arruolati. Immigrati e nativi. Etnie diverse, fedi diverse. Ma tutti americani. Tutti hanno servito con onore quando l’America e il mondo avevano più bisogno di loro. Anche milioni di persone in patria hanno fatto la loro parte. Da una costa all’altra, gli americani hanno trovato innumerevoli modi per dare il loro contributo. Hanno capito che la nostra democrazia è forte solo quanto tutti noi facciamo le cose insieme. 

Gli uomini che hanno combattuto qui sono diventati eroi non perché fossero i più forti, i più duri o i più feroci, anche se lo erano, ma perché è stata affidata loro una missione audace, sapendo che ognuno di loro sapeva che la probabilità di morire era reale. Ma l’hanno fatto lo stesso. Sapevano al di là di ogni dubbio che ci sono cose per cui vale la pena combattere e morire. La libertà vale la pena. La democrazia vale la pena. L’America ne vale la pena. Il mondo ne vale la pena. Allora, ora e sempre. 

La guerra in Europa non finì prima di undici mesi. Ma proprio qui la marea si è rovesciata a nostro favore. Qui abbiamo dimostrato che le forze della libertà sono più forti delle forze di conquista. Qui abbiamo dimostrato che gli ideali della nostra democrazia sono più forti di qualsiasi esercito o combinazione di eserciti in tutto il mondo. Qui dimostriamo anche un’altra cosa. L’unità indissolubile degli alleati. Qui con noi ci sono gli  uomini che hanno servito a fianco degli americani quel giorno, con bandiere diverse al braccio, ma combattendo con lo stesso coraggio per lo stesso scopo. Ciò che gli alleati fecero insieme ottanta anni fa superò di gran lunga qualsiasi cosa avremmo potuto fare da soli. 

È stata una potente dimostrazione di come le alleanze, le vere alleanze, ci rendano più forti. Una lezione che prego noi americani di non dimenticare mai. Insieme abbiamo vinto la guerra. Abbiamo ricostruito l’Europa, compresi i nostri ex nemici, è stato un investimento in quello che è diventato un futuro condiviso e prospero. Abbiamo istituito la Nato, la più grande alleanza militare della storia del mondo. E con il tempo l’abbiamo ottenuta. Col tempo abbiamo portato altre nazioni nella Nato, compresi i nuovi membri, Finlandia e Svezia. 

Oggi la Nato è composta da trentadue Paesi ed è più unita che mai, ancora più pronta a mantenere la pace, a scoraggiare le aggressioni e a difendere la libertà in tutto il mondo. L’America ha investito nelle nostre alleanze e ne ha create di nuove, non solo per altruismo, ma anche per interesse personale. La capacità unica dell’America di unire i Paesi è una fonte innegabile della nostra forza e del nostro potere. 

L’isolazionismo non era la risposta ottanta anni fa e non lo è oggi. Conosciamo le forze oscure contro cui questi eroi hanno combattuto allora. Non svaniscono mai. L’aggressività e l’avidità. Il desiderio di dominare e controllare. Il desiderio di cambiare i confini con la forza. Queste sono forze perenni. La lotta tra la dittatura e la libertà non ha fine. Qui in Europa ne vediamo un esempio lampante. L’Ucraina è stata invasa da un tiranno intenzionato a dominare. Gli ucraini stanno combattendo con straordinario coraggio, subendo gravi perdite ma senza mai tirarsi indietro. Hanno inflitto gravi perdite all’aggressore russo. In Russia hanno subito perdite enormi. 

I numeri sono sconcertanti. Trecentocinquantamila soldati russi morti o feriti. Quasi un milione di persone hanno lasciato la Russia perché non vedono più un futuro lì. Gli Stati Uniti, la Nato e una coalizione di oltre cinquanta Paesi sono al fianco dell’Ucraina. Non ci tireremo indietro. Perché se lo faremo, l’Ucraina sarà soggiogata, e non finirà lì. I vicini dell’Ucraina saranno minacciati. Tutta l’Europa sarà minacciata. E non fraintendetemi: gli autocrati di tutto il mondo stanno osservando da vicino cosa accadrà in Ucraina, per vedere se lasceremo che questa aggressione illegale passi senza controllo. Non possiamo permetterlo. Arrendersi ai prepotenti, inchinarsi ai dittatori è semplicemente impensabile. Farlo sarebbe come dimenticare ciò che è successo qui in queste spiagge consacrate. Non fatevi illusioni: non ci piegheremo. Non dimenticheremo. 

La storia ci dice che la libertà non è gratuita. Se volete conoscere il prezzo della libertà, venite qui in Normandia. Venite in Normandia e guardate. Andate negli altri cimiteri d’Europa dove riposano i nostri eroi caduti. Tornate a casa, al cimitero di Arlington. Domani andrò a rendere omaggio a Pointe du hoc. Andate anche lì. E ricordate, il prezzo della tirannia incontrollata è il sangue dei giovani e dei coraggiosi. Nella loro generazione e nel momento della prova, le forze alleate del D-Day hanno fatto il loro dovere. Ora, la domanda per noi è: nella nostra ora, faremo il nostro? Viviamo in un momento in cui la democrazia è più a rischio in tutto il mondo di quanto non lo sia mai stata dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Da quando queste spiagge furono prese d’assalto nel 1944, ora dobbiamo chiederci: ci opporremo alla tirannia? Contro il male? Contro la brutalità schiacciante del pugno di ferro? Ci batteremo per la libertà e difenderemo la democrazia?

La mia risposta è sì. Può essere solo sì. Non siamo lontani dal momento in cui le ultime voci viventi, coloro che hanno combattuto e sanguinato nel D-Day non saranno più con noi. Abbiamo quindi un obbligo speciale verso di loro. Non possiamo permettere che ciò che è accaduto qui si perda nel silenzio degli anni a venire. Dobbiamo ricordarlo, onorarlo e viverlo. E dobbiamo ricordare che il fatto che quel giorno fossero degli eroi non ci esime da ciò che dobbiamo fare oggi. La democrazia non è mai garantita. Ogni generazione deve preservarla, difenderla e lottare per essa. Questa è la prova del tempo. In memoria di coloro che hanno combattuto qui, sono morti qui. 

Qui hanno letteralmente salvato il mondo. Cerchiamo di essere degni del loro sacrificio. Cerchiamo di essere la generazione che, quando si scriverà la storia del nostro tempo tra dieci, venti, trenta, cinquantotto anni, dirà che quando è arrivato il momento, ci siamo incontrati. Nel momento in cui siamo stati forti, le nostre alleanze si sono rafforzate. Abbiamo salvato la democrazia anche nel nostro tempo. Grazie mille e che Dio vi benedica tutti e protegga le nostre truppe. Grazie a tutti.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter