In fondo a destraIl francobollo celebrativo del fascista Italo Foschi è un insulto alla memoria di Matteotti

Perché si è scelto proprio quest’anno di dedicare una affrancatura allo squadrista romano citato dall’onorevole socialista nel suo ultimo discorso alla Camera dei deputati prima di essere ucciso?

Unsplash

Non c’è pace nemmeno da morto. Celebri il centenario dell’assassinio di Giacomo Matteotti e appare d’un tratto il francobollo celebrativo di Italo Foschi, ras fascista romano seguace di Farinacci, il più duro nel sostenere la tesi della violenza permanente. È a Italo Foschi che Mussolini si rivolge all’indomani del discorso di Matteotti alla Camera il 30 maggio 1924, il discorso che ne decreta la fine, per regolare i conti con l’opposizione. I fascisti romani circonderanno il parlamento, bastoneranno e offenderanno i parlamentari mentre escono da Montecitorio perché l’esempio di Matteotti non venga seguito. 

Ed è Foschi, proprio lui, che inneggia ad Amerigo Dumini, lo propone al Duce come modello di fascista esemplare perché non ha parlato, non ha rivelato a nessuno le responsabilità del regime nel rapimento e nell’assassinio di Giacomo. Insomma, un ras a tutto tondo, fedele fino alla noia, mai un tentennamento, mai un pensiero che non sia in linea con il pensiero del Capo.

Come si fa, in particolare quest’anno, a dedicargli un francobollo che grida vendetta, un francobollo che cancella una storia di minacce e di morte, un quadrato di carta a perenne memoria che non tiene conto di una biografia lunga una ventennio, su su fino a Salò, alla repubblica prigioniera delle false illusioni del Duce e dei corpi nazisti che devastano e uccidono vecchi, donne, bambini.

E allora un francobollo anche a chi ha avuto questa magnifica idea. Valorizzare il carnefice, sostituire il bene col male, al diavolo evviva, chapeau, che il male è più attrattivo del bene. È proprio vero: la storia non è maestra di nulla. E dicono che non è un tempo malato.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter