Falafel CafèUn nuovo appello invita i palestinesi a invadere Israele

Naqba 2 – La vendetta. O, se volete, il ritorno. Tanto il senso è lo stesso: i giovani palestinesi che vivono nei paesi che confinano con Israele non mollano. Invitano tutti i loro coetanei e il m...

Naqba 2 – La vendetta. O, se volete, il ritorno. Tanto il senso è lo stesso: i giovani palestinesi che vivono nei paesi che confinano con Israele non mollano. Invitano tutti i loro coetanei e il mondo arabo a fare pressione – fisica – sulle frontiere ebraiche. E, perché no, a entrare proprio sul suolo israeliano.

La sedicente «Coalizione dei giovani per la terza Intifada» ha diffuso un comunicato, rilanciato dal social network Facebook e dal quotidiano egiziano “Al Ahram”, in cui invita a partecipare alla mobilitazione per venerdì diretta a entrare in Israele. Nella nuova manifestazione gli attivisti vengono incitati a marciare verso lo Stato ebraico dai confini libanesi, siriani, della Striscia di Gaza e della Cisgiordania.

Insomma, venerdì 20 maggio come domenica 15, dove centinaia di attivisti palestinesi avevano tentato di entrare in Israele per il giorno della “Naqba” (catastrofe, in arabo), il 63esimo anniversario dalla fondazione dello Stato di Israele. Gli scontri avevano provocato una ventina di morti, decine di feriti e centinaia di arresti.

(Nella foto, migliaia di palestinesi sfondano il confine israeliano nelle Alture del Golan / foto di Avihu Shapira)

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta