Tempesta di cervelliAgenda Rossa di Borsellino: nessuna l’ha mai letta, ma le dichiarazioni sono su facebook

Il mio problema è che non mi piacciono le speculazioni che prendono in giro gli ingenui. Ci ho pensato parecchio prima di scrivere questo post. Poche frasi per rimanere a posto con me stesso. In qu...

Il mio problema è che non mi piacciono le speculazioni che prendono in giro gli ingenui. Ci ho pensato parecchio prima di scrivere questo post. Poche frasi per rimanere a posto con me stesso.

In queste ore su facebook gira la foto che vedete qua sotto:

Sotto il virgolettato di Borsellino viene citata la fonte: “Dall’agenda rossa di Paolo Borsellino”.

La maggioranza delle persone che leggerà e condividerà questo link non si renderà conto di una piccola anomalia: nessuno ha mai letto il contenuto dell’agenda di Borsellino perché dopo l’esplosione scomparì. Un ragionamento semplice. Ed allora? Da dove vengono riprese quelle parole?

“L’agenda rossa di Paolo Borsellino” è un libro di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza edito da Chiarelettere nella collana Reverse. Le parole che vengono riportate sono il frutto di una ricostruzione dei ricordi della moglie di Borsellino.

Giusto per dovere di cronaca perché mi rifiuto di pensare che qualcuno possa pensare di fare speculazione sulle spalle di un simbolo del Paese.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta