BeautipsManicure al caviale

NEW YORK. Un look davvero originale: è la manicure al caviale. Luminosa e scintillante, impreziosisce le unghie grazie all’effetto “a palline brillanti”. Questa innovativa e lussuosa nail art arriv...

NEW YORK. Un look davvero originale: è la manicure al caviale. Luminosa e scintillante, impreziosisce le unghie grazie all’effetto “a palline brillanti”. Questa innovativa e lussuosa nail art arriva dalla Gran Bretagna – dove è commercializzata dal marchio Ciaté – e presto arriverà in Italia grazie a Sephora.

Dalla Grande Mela arriva la manicure al caviale
Tre le nuance, ad oggi disponibili, della Caviar manicure: il nero Caviar – Black Pearls, il bianco Caviar – Mother of pearl e il multicolor Caviar – Rainbow. Il kit Ciaté comprende uno smalto base, una boccetta di microperline, una vaschetta e un imbuto per riporre le perline non utilizzate. Dal look 3D, questa nail art garantisce un effetto simile al caviale spalmato sulle tartine e rende le manicure davvero fashion.

Ma se non vuoi attendere l’arrivo in Italia della manicure al caviale, puoi provare a realizzarla tu stessa. Acquista in merceria delle perline, in tinta con il colore dello smalto che desideri applicare. Stendi una base di protezione e prepara un piattino dove poter raccogliere le perline in eccesso. Successivamente, applica lo smalto e fai scorrere le perline su tutta l’unghia disponendole in modo che aderiscano alla perfezione. Infine, passa il top coat per assicurarle alla base. La manicure di lusso è servita.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta