L’errore in rassegnaI nomi accrescitivi e i falsi accrescitivi.

I nomi accrescitivi sono quei nomi alterati (cioè nomi che hanno leggermente modificato il loro significato originario tramite un suffisso) che si formano con i suffissi – one, -zone, -otto (bellon...

I nomi accrescitivi sono quei nomi alterati (cioè nomi che hanno leggermente modificato il loro significato originario tramite un suffisso) che si formano con i suffissi – one, -zone, -otto (bellone). Quando si usa un accrescitivo, bisogna prestare attenzione al nome femminile che si vuole far “accrescere”. Il nome femminile, infatti, di regola diventa maschile nella forma del suo accrescitivo (la donna, il donnone; una donna, un donnone). E, importante saperlo, ci sono certi accrescitivi che, in realtà, devono essere chiamati falsi accrescitivi. Alcuni sostantivi, infatti, pur essendo primitivi (cioè nomi che non derivano da un’altra parola) presentano i suffissi di nomi alterati: mattone, melone, burrone, lampone, bottone.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta