L’errore in rassegnaParliamone un po’…

Alzi la mano chi, negli sms, per risparmiare qualche carattere, mette l’accento su pò. E alzi la mano chi, tra quelli che hanno appena ammesso la praticità, è consapevole di aver scritto un Orrore ...

Alzi la mano chi, negli sms, per risparmiare qualche carattere, mette l’accento su . E alzi la mano chi, tra quelli che hanno appena ammesso la praticità, è consapevole di aver scritto un Orrore ortografico. Sono in molti, inviando o ricevendo un messaggino, a perdonare quell’accento. Ma sono in molti, scrivendo a penna (perché il correttore automatico di word ci impedisce di cadere nell’errore), a perseverare nell’Orrore ortografico. Quando scriviamo po’, dobbiamo ricordarci che stiamo abbreviando poco. Perciò dobbiamo usare l’apostrofo, perché siamo di fronte al fenomeno dell’apocope.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020