La creatività in carcereIn mostra il recupero di apparecchi elettrici

Fino al 22 aprile, a Bologna, RAEE in Carcere mette in mostra nella Sala Polivalente della Regione Emilia-Romagna, in viale Aldo Moro 50, il prodotto dei laboratori realizzati negli istituti di det...

Fino al 22 aprile, a Bologna, RAEE in Carcere mette in mostra nella Sala Polivalente della Regione Emilia-Romagna, in viale Aldo Moro 50, il prodotto dei laboratori realizzati negli istituti di detenzione di Bologna, Ferrara e Forlì recuperando i rifiuti da apparecchiature elettriche e elettroniche (RAEE, vecchi elettrodomestici e parti elettroniche ormai inservibili) che diventano manufatti creativi sculture, oggetti d’arredo e monili.
Raee nasce nel 2005 per promuovere l’inclusione di persone svantaggiate in esecuzione penale o reduci dal carcere e favorire in loro reinserimento nel mercato del lavoro e nella legalità: in tre anni sono 17 le persone assunte, 50 quelle coinvolte nel progetto, 1.900 le tonnellate di rifiuti elettrici ed elettronici recuperati.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter