L’Altro CinemaUganda, l’amore ai tempi dell’omofobia

Si parla tanto in questi giorni, e a ragione, della decisione presa negli Stati Uniti dalla Corte Suprema che permetterà alle coppie gay sposate di avere gli stessi diritti civili delle coppie eter...

Si parla tanto in questi giorni, e a ragione, della decisione presa negli Stati Uniti dalla Corte Suprema che permetterà alle coppie gay sposate di avere gli stessi diritti civili delle coppie eterosessuali. E pensare che in certi posti del mondo, come in Africa, l’omosessualità può ancora essere punita con il carcere a vita o anche con la pena di morte. In Uganda, David Kato è stato il primo ad avere il coraggio di dichiararsi apertamente gay, diventando così il leader di un movimento a difesa dei diritti violati di tutti gli omosessuali africani. David è il piccolo, grande protagonista di un documentario dal titolo Call Me Kuchu.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta