Bussola cineseDuty Free a Malpensa, un rimborso sempre più difficile da ottenere

Milano Malpensa, 10 ottobre 2015La foto qui allegata mostra un'altra vergogna per l'Italia. Silenziosamente, senza tanto clamore, ogni giorno si verifica nei nostri aeroporti principali, specialm...

Milano Malpensa, 10 ottobre 2015

La foto qui allegata mostra un’altra vergogna per l’Italia. Silenziosamente, senza tanto clamore, ogni giorno si verifica nei nostri aeroporti principali, specialmente a Malpensa, la processione interminabile alla Dogana. Turisti in coda per chiedere il timbro sul modulo Tax Free. Senza di quel timbro non possono ottenere il rimborso parziale dell’IVA sui beni acquistati in Italia, spesso il motore che li ha spinti a visitare il nostro paese. Tutte queste persone hanno acquistato migliaia di euro in merci italiane ma li trattiamo come bestie in coda agli sportelli della nostra burocrazia, cosa MAI vista altrove in Europa. Non è una questione del momento, ma qualcosa che avviene ogni giorno da anni. Ho scritto su questo tempo fa su Linkiesta, ma nulla è cambiato da allora. Molti di questi viaggiatori hanno perso il rimborso fiscale per non rischiare di perdere il volo. Anche quando si arriva molto presto, anche 4 ore prima del volo, si rischia di restare in coda anche 3 ore e più !!!! Inizio a credere che questa sia una strategia dell’ Agenzia delle Entrate: “andare piano così tratteniamo in Italia i loro soldi”. Come è possibile che non ci sia un modo migliore per accelerare? è davvero necessario controllare ogni singola borsa?

Non esiste una cultura del servizio, ma dell’inquisizione, trattiamo i turisti come un problema e non come un valore di cui fare tesoro e viziarli per far si che tornino ancora. Molte dichiarazioni del governo sono solo per i media, ma alla fine è la burocrazia che prevale sempre. Queste persone in fila, non torneranno più in Italia e parleranno male di noi, preferendo Parigi o altra città europea, evitando così un paese così spudoratamente arrogante e mal organizzato come l’Italia!

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta