Penso dunque cliccoFamily Day, numeri falsi e una strana isola deserta

A tirare in ballo la solita guerra dei numeri ci hanno pensato gli stessi organizzatori del "Family Day" di Roma. 2 milioni hanno detto, ma sembra non essere proprio così, anzi si parla di una buf...

A tirare in ballo la solita guerra dei numeri ci hanno pensato gli stessi organizzatori del “Family Day” di Roma. 2 milioni hanno detto, ma sembra non essere proprio così, anzi si parla di una bufala bella e buona.

A smentire la cifra, tra gli altri, anche Fiorella Mannoia che con un accostamento fotografico ricorda come sia praticamente impossibile arrivare a 2 milioni. Ci pensa pure wikipedia con un semplice calcolo matematico e tutti i precedenti storici.

Ho provato a seguire il dibattito, che poi sarebbe un comizio al Circo Massimo, ma dopo un poco ho avuto la sensazione di ascoltare un disco rotto. “Dobbiamo tutelare i bambini, la natura è natura, il sesso serve a procreare, su un’isola deserta i gay morirebbero”. Che poi dico io, ma su un’isola deserta che ci vai a fare? Se ci va una coppia etero ripopola il mondo a forza di incesti?

Ad ogni modo a mio figlio/a un giorno insegnerò che bisogna essere tolleranti anche con quelli del Family day e che la famiglia è quella forma di comunità che ti protegge da tutto.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta