Due o tre cose che so del mondoSeicento milioni di euro: il prestito ponte governativo ad Alitalia

Alitalia non ha piano industriale, il suo personale non è disponibile alla ristrutturazione. Seicento milioni a vuoto. Per un prestito ponte con il primo pilastro nell'assistenzialismo becero e dis...

Alitalia non ha piano industriale, il suo personale non è disponibile alla ristrutturazione. Seicento milioni a vuoto. Per un prestito ponte con il primo pilastro nell’assistenzialismo becero e discriminatorio ed il secondo sul nulla dell’incompetenza. Ora abbiamo anche i tre commissari. I tre fenomeni. I tre salvatori, i tre ammazzasette.
E il premier Gentiloni dice che «L’intervento del Governo è un atto di responsabilità». Mi domando se non abbia la minima idea della differenza tra investire e sprecare o se sia in malafede. Entrambe le ipotesi sono plausibili. Probabilmente sono entrambe vere. Una vergogna. Ma dire “vergogna” non basta più. Bisogna andare al governo e fargliela smettere. Ogni altra energia è sprecata.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta