MarginiMemoria d’infanzia

Nel bar di fronte alla banca si sentiva profumo di cornetti e cappuccino, una signora - mezza pazza - ma che sorrideva sempre e aveva i capelli corvini e crespi mi salutava chiamandomi per nome men...

Nel bar di fronte alla banca si sentiva profumo di cornetti e cappuccino, una signora – mezza pazza – ma che sorrideva sempre e aveva i capelli corvini e crespi mi salutava chiamandomi per nome mentre mi porgeva la treccia che intingevo nella tazza.

Mio padre compilava la schedina mentre io dettavo a caso: 1, 2, X. Lazio in casa, sempre 1. Per lo più usciva X.

Una volta facemmo 11.

«Ora quel mondo è finito: Poi, da un giorno all’altro ti ritrovi a cinquant’anni, e l’infanzia o quel che ne resta è in una piccola scatola, che è pure arrugginita». (Il favoloso mondo di Amélie)

Forse è un po’ vero anche con il Totocalcio, quando scopri che il governo ha deciso che non ci si potrà più giocare.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta