MarginiMemoria d’infanzia

Nel bar di fronte alla banca si sentiva profumo di cornetti e cappuccino, una signora - mezza pazza - ma che sorrideva sempre e aveva i capelli corvini e crespi mi salutava chiamandomi per nome men...

Nel bar di fronte alla banca si sentiva profumo di cornetti e cappuccino, una signora – mezza pazza – ma che sorrideva sempre e aveva i capelli corvini e crespi mi salutava chiamandomi per nome mentre mi porgeva la treccia che intingevo nella tazza.

Mio padre compilava la schedina mentre io dettavo a caso: 1, 2, X. Lazio in casa, sempre 1. Per lo più usciva X.

Una volta facemmo 11.

«Ora quel mondo è finito: Poi, da un giorno all’altro ti ritrovi a cinquant’anni, e l’infanzia o quel che ne resta è in una piccola scatola, che è pure arrugginita». (Il favoloso mondo di Amélie)

Forse è un po’ vero anche con il Totocalcio, quando scopri che il governo ha deciso che non ci si potrà più giocare.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter