E(li's)booksDa qualche parte starò fermo ad aspettare te di Lorenza Stroppa. Recensione

Quante volte possiamo romperci e ricostruirci? Anche se fuori sembra tutto a posto, riparato, in realtà le crepe restano dentro, invisibili ...

Da qualche parte starò fermo ad aspettare te di Lorenza Stroppa

Il libro

Diego non è un tipo da traguardi convenzionali, non cerca certezze, tantomeno relazioni stabili. Vicino ai quarant’anni, vive insieme alla gatta Mercedes in una mansarda vista laguna a Venezia e colleziona avventure senza troppi pensieri. La sua grande passione da sempre sono i libri e le parole, e ne ha anche fatto una professione: lavora come editor in una casa editrice. Per questo quando un giorno, mentre sta facendo la spesa al supermercato, trova per terra un’agenda, non può che rimanere colpito da ciò che vi è scritto. L’agenda appartiene a una certa Giulia Moro, che vi ha appuntato una singolare “to do list”, una lista di cose da fare che a un certo punto si interrompe misteriosamente. Incuriosito, Diego si mette sulle tracce di Giulia, pittrice di talento ma tormentata da un dolore che le impedisce di utilizzare il rosso – il colore del sangue, del fuoco, del cuore – nei suoi quadri. Diego si fa trovare, apparentemente per caso, nei luoghi indicati nell’agenda di Giulia: quando i due si parlano per la prima volta, tra loro scatta un’immediata attrazione. Ma Diego pensa di essere troppo inaffidabile per riuscire ad amare, e per Giulia l’amore non rientra affatto nella sua “to do list”… Lorenza Stroppa attraverso le voci alternate dei due personaggi ci conduce nei vicoli e nelle strade fatte d’acqua di una Venezia intrigante e luminosa, lontanissima dai cliché turistici, e delinea una mappa non solo geografica ma sentimentale: riusciranno parole e colori a trovare il linguaggio dell’amore?

La mia lettura

Ho avuto Da qualche parte starò fermo ad aspettare te di Lorenza Stroppa in regalo, una mia amica ha pensato potesse interessarmi perché è ambientato a Venezia, non aveva torto, mi piace leggere libri che parlano di posti che conosco particolarmente bene o che mi sono cari e io di Venezia devo scoprire ancora tante cose per cui l’ho letto volentieri.

Da qualche parte starò fermo ad aspettare te racconta di due vite, quella di Giulia e quella di Diego, coetanei a cui la vita ha riservato esperienze diverse, lei è una pittrice, ha un matrimonio fallito alle spalle e un lutto da elaborare, lui è il tipico quarantenne che non si sente mai pronto alla vita di coppia, è un editor e riempie quaderni con parole che in qualche modo lo ispirano (questa cosa di scrivere le parole lo faccio anche io!).

L’incontro fortuito tra queste due persone così diverse che l’autrice racconta a voci alternate, ci mostra come la realtà possa essere interpretata a seconda dei nostri stati d’animo.

Giulia ha come priorità fare i conti con il suo passato, esorcizzare le sue paure, sconfiggere i demoni che la posseggono, un uomo può essere un diversivo ma nulla di più, Diego forse capisce che invece è il momento di tirare fuori quelle parole dai quaderni, abbassare la guardia, lasciar trasparire i propri sentimenti … aprirsi e sceglie Giulia!

Una storia semplice, scritta con un linguaggio privo di orpelli, ben delineati i personaggi, quel che ho apprezzato di più sono state le descrizioni di Venezia, Lorenza Stroppa cita la notissima libreria Acqua Alta ma anche l’Isola di San Giorgio Maggiore e il labirinto di Borges e diversi altri posti cari ai frequentatori abituali della città come me e questo rende la narrazione più suggestiva, quasi vera.

Sono rimasta con una curiosità, chi ha scelto il titolo del romanzo? L’autrice o l’editore? E Lorenza Stroppa, a quale delle tipologie di autori descritti dal suo personaggio Diego appartiene?

Comunque appena ho letto il titolo io ho pensato immediatamente a…

Se tardi a trovarmi, insisti.
Se non ci sono in nessun posto,
cerca in un altro, perchè io sono
seduto da qualche parte,
ad aspettare te…
e se non mi trovi piú, in fondo ai tuoi occhi,
allora vuol dire che sono dentro di te.

Walt Whitman

Da qualche parte starò fermo ad aspettare te
Autrice: Lorenza Stroppa
Editore:Mondadori
Cartaceo: € 18,00 / Ebook: € 9,99
Pagine: 288

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta