Dopo Skuola‘100 giorni’ alla Maturità, per gli studenti (ma non per tutti) c’è poco da festeggiare

Arrivano i '100 giorni', tra i momenti più attesi per i ragazzi dell'ultimo anno delle superiori. E se l'atmosfera generale, causa Covid, è decisamente dimessa resiste un 10% che, nonostante sia in zona rossa o arancione, vuole festeggiare comunque. Anche se 1 su 3 di loro lo farà online. Ma c’è pure chi è alla ricerca di un luogo chiuso per riunirsi con i compagni

Per uno strano gioco del destino, quest’anno l’8 marzo – giorno in cui tantissimi studenti potrebbero tornare in Dad al 100% – coincide con un momento importante per i ragazzi arrivati alla fine del percorso scolastico: i ‘100 giorni’ alla Maturità 2021. Alla luce di questo, come si stanno preparando i maturandi? Onoreranno lo stesso questa ricorrenza, sempre molto attesa? Skuola.net lo ha chiesto a 1500 di loro e, la sensazione, è che ci sia ben poco da festeggiare. Specie laddove il virus corre a maggior velocità. Tra chi abita nelle zone con più restrizioni solamente 1 su 10 cercherà di celebrare i ‘100 giorni’ quasi come se nulla fosse.

Il ‘colore’ della regione decide il programma

Dove, invece, le regole non sono così stringenti, la quota sale leggermente: siamo nell’ordine di 1 su 4 (ma la maggior parte lo farà in tono minore rispetto a quanto previsto). Inoltre, per questi ultimi, l’aggiornamento dei ‘colori’ del fine settimana potrebbe ulteriormente cambiare le carte in tavola. Se ci dovesse essere un aggravamento della situazione 9 su 10 dicono che, probabilmente, rinuncerebbero ai festeggiamenti. Tantissimi, poi, sono stati presi quasi in contropiede: circa 1 su 2 non sapeva o non ricordava (preso da lezioni online, turni in presenza e difficoltà organizzative varie) che stessero per arrivare i ‘100 giorni’.

Nelle aree a rischio i ‘100 giorni’ si spostano online

In che modo festeggeranno, però, quelli che non vogliono – almeno al momento – farsi condizionare dal virus? Anche qui, i contagi dettano l’agenda. Nelle aree più a rischio, si punta sul basso profilo: per 1 su 3 la riunione di classe sarà ‘digitale’, sfruttando le stesse piattaforme usate per la Dad o le chat di gruppo dei social network. Ciò nonostante, il pericolo assembramento potrebbe non essere scongiurato: oltre un quarto (29%) è in cerca di un luogo al chiuso dove riunirsi con i compagni. Il 16%, più saggiamente, opterà per una semplice uscita collettiva (pomeridiana) non lontano da casa o da scuola; pochissimi quelli che si vedranno per i tradizionali riti portafortuna (5%).

Il pericolo assembramenti non è scongiurato

Scenario leggermente diverso per chi respira una maggiore libertà. Qui il rischio che qualcuno non si attenga alle regole anti-contagio è ancora più percettibile: la fetta più ampia (36%) nei piani della vigilia vorrebbe riunirsi, magari a pranzo o il pomeriggio, ma in un posto chiuso. L’alternativa più gettonata è l’uscita di gruppo nel quartiere o vicino scuola (22%). Marginale l’opzione online (8%), prendono quota la passeggiata in centro (15%) e i riti scaramantici in luoghi simbolici (10%). Ma, come detto, fino all’ultimo secondo il programma potrebbe essere stravolto.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta