L'ambulanteDenise e Olesya, il dolore si acuisce nello spettacolo in tv

Denise Pipitone
Autore: Antonio Federico Art 2021

La mia generazione ha attraversato i 30 anni e oltre la metà dei 40 con il sorriso di Denise Pipitone stampato nel cuore e la speranza che la piccola, scomparsa nel trapanese nel 2004, fosse ancora viva. L’apparizione in tv di Olesya Rostova, la ventenne russa alla ricerca della madre naturale, è stato un boomerang mediatico fino in Italia. Se lei e Denise fossero la stessa persona?

RICATTO MEDIATICO IN RUSSIA

I risultati del DNA ci tengono tutti con il fiato sospeso da una settimana. Nel frattempo questo fatto di cronaca si è ritagliato i tempi e le modalità di una fiction televisiva italo-russa. Dall’Italia, anche nel rispetto del riserbo della famiglia di Denise, abbiamo puntato il dito contro la televisione russa per l’osceno spettacolo sulla triste storia di Olesya.
Il ricatto mediatico di Lasciali Parlare, il programma di Tv1, tiene in pugno tante donne dell’Est “aspiranti mamme naturali” della ventenne russa. Perché non spingere il dramma italiano della famiglia di Denise sotto i riflettori di un circo mediatico? La gogna russa è a metà strada tra un reality alla Grande Fratello e un quiz storico alla Lascia o Raddoppia?, la scelta della busta fortunata per scoprire il gruppo sanguigno o svelare il fantomatico risultato del DNA.

LO SHOW TRISTE DELLA TV ITALIANA

In Russia ne stanno facendo di tutti i colori, ma in quanto a show televisivo in Italia sul caso Denise-Olesya non siamo stati uno stinco di santo. Non si fanno sconti a nessuno, né a tv pubblica né a tv privata. Facendo zapping negli ultimi giorni abbiamo assistito in diretta ad oscenità su oscenità. Chi dei volti noti dell’infointrattenimento del Belpaese è senza peccato scagli la prima pietra.

LA BUCCIA DI BANANA IN RETE

Rotolando tra i social e la Rete si scivola poi sulla buccia di banana se a darci la lezioncina sul circo mediatico vorrebbe essere lo stesso utente a corto di like. Non somiglia a chi ha sfregiato l’intimità della maternità pubblicando in Rete, sotto gli occhi di tutti, gli esami diagnostici pre-parto?  Dall’altra parte dovremmo dare poca importanza ai mostri che hanno violato la privacy dei profili social di Olesya, in queste ore, come tante mamme alla ricerca della propria figlia, in cammino scalza sul filo spinato.

DENISE PIPITONE E OLESYA ROSTOVA SONO LA STESSA PERSONA?

Il dubbio amletico ce lo rileverà il DNA, anche se le indiscrezioni di queste ore lasciano poche speranze. Se Denise e Olesya fossero la stessa persona, lasciate che vivano questa unione d’identità senza l’odioso spettacolo mediatico. E se non lo fossero? Rinchiudiamoci in silenzio nella delusione. Comunque vada, lo show non deve continuare.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta