BabeleCome funziona il recupero dati da hard disk

Siamo bombardati dalla tecnologia e dal bisogno di stare sempre connessi, per questo motivo la produzione dei dati cresce in maniera esponenziale. Al giorno d’oggi, siamo soliti produrre video, foto, certificati, documenti per ogni occasione, tutto viene digitalizzato, tanto da diventare necessario l’uso degli hard disk esterni, per non sovraccaricare le memorie interne. Tuttavia, perdere i dati dall’hard disk è un’evenienza molto più comune di quanto si possa pensare. Cosa fare in questi casi?

È bene precisare che ogni hard disk si differenzia dall’altro per marche e modelli. Nonostante esistano strumenti più validi e resistenti di altri, nessuno è davvero immune da danneggiamenti e conseguente perdita dati. La buona notizia è che è possibile ripristinare i dati con un tasso di successo spesso molto elevato.

Vediamo le cause, cosa si può recuperare e come procedere. Per approfondire vedere anche i consigli degli specialisti in queste linee guida al recupero dati da hard disk.

Cause comuni della perdita dati

Come già detto le quantità di dati che siamo soliti gestire ogni giorno sono ingenti. Per questo motivo, per i dati sensibili è raccomandabile il salvataggio su più storage, online e offline. Le cause di perdita dei contenuti possono essere molto diverse, e tra le più comuni abbiamo:

  • Danneggiamento accidentale/ usura;
  • Sovrascrittura dei dati;
  • Rimozione involontaria dei file;
  • Presenza di un virus/malware che ne blocca l’accesso ai dati;
  • Incendio;
  • Allagamento dell’hard disk.

In tema di sicurezza dei dati e backup, vedi anche quest’articolo su come rendere sicuri iCloud, Google Drive e Dropbox.

Dati che si possono recuperare

Fortunatamente, il recovery è possibile per quelle informazioni che preoccupano maggiormente gli utenti, ovvero: foto, video, documenti e contenuti multimediali.

Come avviene il recupero dati

Nel momento in cui si riscontra un problema sul dispositivo, sicuramente non bisogna lasciarsi prendere dal panico e agire di impulso. Il primo passo consiste nel chiarire le cause del danno prima di procedere all’azione.

Le cause di danneggiamento possono essere suddivise in due grandi categorie: problematiche lato software, o problematiche lato hardware ovvero quelle cause che riguardano la parte fisica dell’hard disk. In entrambi i casi infatti, rivolgendosi a degli esperti, tramite tecniche specifiche sarà possibile ricorrere al recupero delle informazioni.

Grazie a delle tecniche eseguite in laboratorio, è possibile ripristinare i contenuti persi in un periodo di tempo rapido e in totale riservatezza per garantire la privacy dei dati del cliente.

Una volta diagnosticato l’entità del danno, si procede al recupero dei dati. Le tecniche sono diverse a seconda del tipo di problema. 

Cause lato software

Se il danno è logico, solitamente, se si ha un minimo di competenza, si può procedere in autonomia utilizzando i software che si trovano sul mercato. Molti di questi sono ben fatti e dispongono di versione gratuita, ma rivolgersi a degli esperti rimane sempre la scelta migliore. Se non si hanno competenze in materia, è meglio non toccare nulla per non peggiorare la situazione definitivamente. Le cause che provocano il danno possono dipendere da:

  •  La presenza di un virus o malware;
  •  Un aggiornamento del software che non è andato a buon fine;
  •  Un arresto del sistema;
  •  Inserimento sbagliato di una password che determina il blocco del nostro dispositivo.

Cause lato hardware

Se il problema è fisico, quindi lato hardware, il recupero delle informazioni risulterà un processo più delicato. Infatti, ci si dovrà rivolgere necessariamente all’assistenza tecnica ed intervenire in laboratorio, o in ambienti con una concentrazione di polvere e particelle inquinanti molto bassa (nella cosiddetta camera bianca). Le cause più frequenti sono:  

  •  Allagamento dovuto alla caduta in acqua o al versamento di liquidi corrosivi sul telefono;
  •  Caduta accidentale, urto, danneggiamento del dispositivo;
  •  Incendio dell’ Hard disk;
  •  Usura o difetto di alcune componenti interne.

Recuperare dati dal nostro device può quindi risultare un processo costoso e stressante. In caso di rottura dell’hard disk, la prima cosa da non fare è lasciarsi prendere dal panico ed evitare soluzioni fai da te, senza una corretta diagnosi preventiva, sono le condizioni essenziali per ottenere il nostro prezioso materiale indietro.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter