BabeleTracciabilità dei pagamenti e detrazioni fiscali

Forse non tutti sanno che a partire dal 2020 tutti i pagamenti che permettono di ottenere deduzioni o detrazioni fiscali devono essere tracciabili. Quindi devono essere pagati con un bonifico bancario o con un qualsiasi metodo di pagamento elettronico, ad esempio utilizzando una classica carta di debito o di credito. L’Agenzia delle Entrate ha chiarito con la circolare 7/E/2021 come comportarsi con la documentazione da presentare in fase di dichiarazione dei redditi.

Come si dimostra la tracciabilità

La questione è sostanzialmente questa: se devo saldare un pagamento in modo tracciabile, come posso poi dimostrare il metodo utilizzato in fase di dichiarazione dei redditi? C’è già chi ha preparato pagine e pagine del proprio estratto conto, su cui si evidenziano le effettive transazioni effettuati con carta di debito, carta di credito o bonifico bancario o postare. L’Agenzia delle Entrate ha precisato che per attestarne la tracciabilità, è sufficiente che chi percepisce il pagamento ne confermi le modalità sulla ricevuta o sulla fattura ad esso relativa. In pratica, non serve stampare l’estratto conto della carta di debito o del conto corrente, laddove chi ha ricevuto il saldo indichi in fattura la specifica modalità utilizzata dal cliente.

E se non è presente tale annotazione?

Solo nel caso in cui l’esercente o il professionista non indichino in fattura la modalità, è necessario presentare un’attestazione di pagamento. Che può essere, a seconda dei casi, una ricevuta della carta di debito o di credito, l’estratto conto in cui è indicata l’operazione, o anche una copia del bollettino postale utilizzata per saldare la spesa. Coloro che utilizzano lo smartphone, dovranno presentare l’estratto conto che indica l’avvenuta transazione. È inoltre fondamentale ricordare che il metodo di pagamento tracciabile deve essere intestato al contribuente che sta richiedendo la detrazione.

Gli italiani e i pagamenti elettronici

Questa nuova richiesta da parte dell’Agenzia delle Entrate è correlata alla lotta all’evasione fiscale, che si sta svolgendo in Italia anche spingendo i contribuenti ad utilizzare metodi elettronici, alternativi al contante. Si tratta di una lotta su più fronti, che però sta mettendo a disagio moltissimi contribuenti. Perché nel nostro Paese vi è ancora una certa resistenza all’utilizzo delle carte, anche per quanto riguarda le carte di debito. Eppure si tratta di strumenti molto semplici da utilizzare, che possono essere richiesti dalla gran parte dei contribuenti e utilizzati praticamente in tutti i negozi e i centri commerciali.

Come ottenere una carta di debito

Viene comunemente chiamata Bancomat, in quanto è il circuito di pagamenti elettronici più diffuso nel nostro Paese. Oggi l’offerta di carte di debito è molto ampia, sono solitamente collegate al conto corrente e proposte con una spesa di gestione minima o azzerabile, attraverso offerte o proposte particolari.

Tra le varie proposte sul mercato, Banco di Sardegna offre diverse carte di debito, ognuna più adatta alle proprie esigenze. Nel dettaglio, le carte di debito proposte dalla Banca in questione sono due: V-Pay Contactless, per gli acquisti quotidiani e BPERCard Debit, indicata per i pagamenti online e l’utilizzo all’estero.

V-Pay Contactless è una carta di debito dotata di tecnologia contactless, particolarmente utile per effettuare pagamenti rapidi, in quanto per spese inferiori a 25 euro è sufficiente avvicinare la carta al POS (senza la necessità di dover inserire il PIN). Abilitata ai circuiti nazionali Bancomat®/PagoBancomat ® e al circuito europeo V PAY, con la carta di debito in questione si possono fare prelievi, pagamenti, ricariche e il consulto di saldo e movimenti del conto presso gli ATM del circuito nazionale “QuiMultibanca”.

BPERCard Debit, è invece la carta di debito Banco di Sardegna abilitata sul circuito Mastercard Debit. Anche la carta in questione possiede la tecnologia contactless, risulta essere quindi lo strumento più idoneo per coloro che acquistano spesso su internet oppure effettuano operazioni in tutto il mondo, quindi ideale per coloro che viaggiano spesso, il tutto nel pieno rispetto dei più aggiornati meccanismi di sicurezza.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter