BabeleAlimentazione per l’infanzia: il marketing e la curva di domanda

Negli anni i genitori sono sempre più attenti agli alimenti che forniscono ai propri figli. L’attenzione è posta sia sulla tipologia di alimenti da fornire ai bambini, sia sulla loro qualità e sui metodi di produzione. Sotto questo punto di vista l’offerta in Italia è in costante crescita. Per altro troviamo alimenti specificatamente indicati “per bambini” in diversi punti vendita: nei supermercati, nelle farmacie e parafarmacie e in negozi specializzati in prodotti per bambini in senso lato. Per molti versi l’educazione alimentare è passata anche attraverso i consigli dei pediatri, visto che anche il ministero della sanità è particolarmente attento a questo argomento.

Alimenti per bambini e dieta mediterranea

Una sana alimentazione per i bambini parte dal definire una corretta piramide alimentare. Stiamo parlando di un grafico che mostra i diversi gruppi di alimenti, posizionandoli su una piramide: alla base sono presenti gli alimenti che vanno consumati con maggiore abbondanza, infatti occupano uno spazio molto ampio della piramide, in vetta troviamo invece gli alimenti da consumare in modo minore. Per molti versi la vera dieta mediterranea rappresenta una scelta alimentare particolarmente adatta, per i bambini ma anche per i loro genitori. Si basa infatti su un equilibrato consumo di frutta, ortaggi, cereali e olio d’oliva, che sono presentati alla base della piramide alimentare moderna; a salire troviamo poi tutti gli altri alimenti, in quantitativi via via minori: dai semi ai latticini, dalle carni bianche alle carni rosse, per arrivare alla sommità della priamide, dove troviamo i dolci, da consumare con parsimonia.

La nuova piramide alimentare

La scelta grafica della piramide alimentare viene sfruttata da decenni. Nel corso del tempo però le posizioni dei vari alimenti sono state modificate. Sostanzialmente gli alimenti di origine vegetale rimangono comunque sempre alla base dell’alimentazione, mentre quelli di origine animale sono in alto lungo la piramide, dovrebbero quindi essere consumati in minima quantità nel corso della giornata. Oggi ciò che molti genitori fanno consiste nel cercare di seguire la nuova piramide alimentare, considerando alla base della dieta mediterranea anche l’attività fisica, che andrebbe svolta quotidianamente. Oltre a questo c’è una sempre maggiore attenzione a come sono prodotte le materie prime che entrano negli alimenti per bambini, che devono essere particolarmente controllate, prive di pesticidi e di sostanze chimiche “altre”.

Il marketing dei prodotti per bambini

Ovviamente le aziende che producono e commercializzano alimenti per bambini sono oggi particolarmente attente nel veicolare i messaggi pubblicitari, in modo da proporre ai genitori, ma anche ai bambini stessi, prodotti sani, genuini e salutari. Rispetto al passato oggi i canali informativi sono in numero maggiore, comprendendo anche l’intero mondo digital; contemporaneamente vi è una maggiore attenzione dimostrata da parte dei genitori; considerando anche il fatto che in un passato non troppo lontano era diffusa la convinzione che i bambini non necessitassero di alimenti sostanzialmente diversi rispetto a quelli consumati dagli adulti. Oggi il marketing si sta invece concentrando su alcuni claim fondamentali, tra cui in particolare la salubrità degli alimenti per bambini, o anche la produzione delle materie prime in filiere particolarmente controllate, più di quanto non lo siano gli “alimenti per adulti”.

Cosa scelgono oggi i genitori per i propri figli

La richiesta di alimenti sani, non solo dal punto di vista dietetico ma anche per quanto riguarda i metodi di produzione, è sempre maggiore. Sia per quanto riguarda gli alimenti per adulti, vedasi la crescente richiesta di alimenti derivati da coltivazioni e allevamenti bio, sia per i bambini, e per certi versi ancora di più. Per questo i messaggi pubblicitari delle aziende stanno diventando sempre più precisi per quanto riguarda le informazioni sulla qualità dei prodotti e sull’affidabilità delle fasi di produzione e controllo. La stessa organizzazione Mondiale della Sanità segue con attenzione i trend alimentari a livello globale, partendo dall’assunto che una migliore alimentazione porta a una popolazione con meno problemi di salute e a un minor numero di soggetti in sovrappeso. Oggi il principale veicolo di informazioni pubblicitarie è ancora la TV; si nota però un costante aumento del mondo digitale in questo ambito. Risulta infatti come valido alleato per le aziende, riuscendo a trasmettere in modo capillare i messaggi del marketing. Non solo, il marketing online consente anche una migliore e maggiore targhettizzazione dei clienti, garantendo di inviare i messaggi pubblicitari al pubblico più adatto ad ascoltarli.