E(li's)booksMarx e i miei mariti, intervista all’autrice Lourdes De Armas

Una storia di rivoluzione e cambiamenti.

Oggi voglio proporvi una intervista speciale alla scrittrice cubana Lourdes De Armas, parliamo del suo libro da poco pubblicato in Italia: Marx e i miei mariti.

Intanto vi anticipo la sinossi:

“Marx e i miei mariti” è il racconto della vita sentimentale di una donna, Maggy, dal suo primo amore fino alla maturità. Ma è anche una testimonianza degli ultimi trent’anni della storia di Cuba attraverso il susseguirsi delle sfortunate traversie amorose della protagonista. José, Ernesto, Javier, Freddy e Carlos: ognuno di loro intrattiene un rapporto peculiare con il regime e interpreta in modo diverso la lezione marxista. Da José, costretto a lasciare il Paese perché contrario al regime, passando poi per Ernesto, marxista di facciata ma incoerente con i suoi principi, il passivo militare Javier, il doppiogiochista Freddy, il vuoto e passionale Carlos. Attraverso le loro storie l’autrice ripercorre i momenti salienti della storia cubana dagli anni ’80 a oggi: l’esodo di Mariel, i balseros e il Periodo Speciale.

Intervista

In Marx e i miei mariti gli uomini sono un modello negativo attraverso cui Maggy-Lucía può realizzare il suo processo di emancipazione. Marx e i miei mariti è una storia femminista o i mariti sono solo una metafora?

Marx ei miei mariti è un romanzo con cinque storie d’amore e di crepacuore attraverso il viaggio esistenziale della protagonista. I mariti sono il filo conduttore che porta alle diverse fasi della società cubana. Ogni marito avrà un destino diverso rispetto a quello annunciato nei primi momenti della relazione, e tappe importanti che la società cubana ha attraversato: “l’Esodo di Mariel”, il “Periodo Especial” e il periodo  “Negociaciones con capital extranjero”.

I personaggi sono delineati secondo la mia esperienza di scrittrice. Non sono totalmente negativi, hanno anche le loro virtù. L’essere umano ha le sue sfumature. Nessuno è totalmente cattivo o buono. Ho cercato di caratterizzarli con certi tratti e comportamenti secondo le idiosincrasie di alcuni cubani. Si basano sulla realtà ma non ne sono una copia esatta, perché come in ogni romanzo c’è un misto di realtà e finzione. La letteratura esagera, inventa e crea o ricrea le realtà, prendendo, ovviamente, lo stile del mondo in cui viviamo. La professione di scrittore implica una grande osservazione dell’ambiente e degli esseri umani, informazioni essenziali per l’atto creativo.

Quale dei mariti è il suo preferito e perché?

Non ho preferenze. Sono personaggi di fantasia. E ognuno è essenziale nel lavoro perché racconta una storia all’interno di uno specifico contesto sociale. Sono il filo conduttore del romanzo. Tuttavia, Jose, che è il fidanzato, appare in diversi momenti della trama e fuori dal tempo perché la protagonista ripensa a lui. Era il primo amore, si erano innamorati all’Avana nel 1980 e avevano in programma di sposarsi, frustrati da una rottura improvvisa e dolorosa causata dalla situazione sociale in cui vivevano. Jose e suo fratello sono costretti ad emigrare a causa delle circostanze a cui sono stati sottoposti in una società intollerante che non ha permesso loro di proseguire gli studi all’Università e li ripudia violentemente. Sono stati vittime delle cosiddette “manifestazioni di ripudio” che la stessa Maggy ha subito senza avere intenzione di emigrare, proprio perché aveva una relazione con Jose e, di conseguenza, con la sua famiglia, che pure ne ha sofferto. Questi “raduni” erano attacchi violenti con percosse, canti offensivi, lancio di sassi, patate, ecc., atti compiuti da persone impegnate nel governo e nelle sue istituzioni davanti alle case di chi, in quel periodo, decideva di emigrare . “Scorie” era il soprannome con cui venivano indicate queste persone con disprezzo.Tutto questo cessò poi quando negli anni Ottanta si raggiunse il culmine della emigrazione (tra aprile e settembre 1980). Furono125.000 i cubani che emigrarono a Miami. Fu un esodo angosciante e caotico. L’origine di questo spostamento fu causato da un incidente diplomatico tra Cuba e Perù, il1 aprile 1980.

Secondo lei oggi c’è più spazio per la retrotopia, per nuove utopie o per nessuna delle due cose e perché?

È una domanda a cui posso rispondere vagamente. O forse non so rispondere ma mi tenti con la tua voglia di  sapere cosa penso. Non ho studiato Zygmunt Bauman. Ma sono d’accordo con lui quando dice: Il progresso non è più associato all’aspettativa di un domani migliore, ma a un’incertezza ancora maggiore.Questo “domani migliore” nella mia esperienza non c’è stato a livello sociale. Mi ricorda uno slogan che girava a Cuba: “Stiamo costruendo il futuro”, il che significava che dovevamo lavorare sodo nel presente per realizzare, in un futuro che non è ancora arrivato, una società migliore. Sarebbe un buon argomento da discutere di persona.

Se dovesse spiegare il concetto di patria a un bambino cosa direbbe?

Gli direi che Patria è la sua casa, la sua famiglia, il luogo dove è nato. Dipende dall’età, se fossi un adolescente citerei il poeta cubano José Martí: Patria è umanità. Che si può riassumere in: rispetto e tutela dei diritti umani. Potrei dirti che la Patria è il mondo. Perché mi piacerebbe esistesse una grande e armoniosa famiglia universale. Che una nazione si integrasse con un’altra per collaborare, non dico amarsi, è impossibile, è troppo, ma sarebbe bello servire gli altri non usandoli. Tuttavia, è solo un sogno, un’utopia, con cui un bambino si emozionerebbe ma rimarrebbe deluso una volta sveglio. È abbastanza difficile spiegarlo, tuttavia, sono certa che non parlerei mai a ragazzi e ragazze di guerra o di politica, che è una terribile invenzione degli adulti.

Cosa significa per lei uguaglianza?

Giustizia

Marx e i miei mariti di Lourdes De Armas

Laura Mariottini e  Alessandro Oricchio (Traduzione)

Pessime idee, 2021

Pp 176 Brossura € 18,00