GovernDancePacche sul sedere e maleducazione, altro che gender bias!

Magari fosse un tema di genere, si va ben oltre e ben al di sopra della specificità del gender bias

Unsplash

Valanghe di rivendicazioni scritte sulla necessità di maggiore attenzione al gender bias, alla cultura della parità dei sessi, alla necessità di strumenti legali piu’ adeguati alla pacca sul sedere e a tutto cio’ che si porta dietro, illazioni sulle competenze della giornalista e sulla sua credibilità incluse.

Francamente non credo sia una questione di gender bias.

Chiunque allunghi una mano (non richiesta) su un altro essere umano, uomo o donna che sia, è, a seconda del gesto, sicuramente un maleducato, spesso un violento.

Ridurre ad un fattore di sessismo un atto di maleducazione significa relegare un valore in una sottocategoria specifica , rimpicciolendone la gravità e la reale portata.

La nostra società è una società spesso maleducata nel senso che non riconosce le piu’ elementari forme di educazione civica, sociale ed umana. Ti capita cosi di essere a tu per tu con un committente per il quale lavori, che senza nemmeno farsi venire un dubbio sull’opportunità del suo vuoto interlocuire, ti invita a condividere la sua stanza da letto oppure , fra i vari invitati ad un evento, un collega sgradito (che sa di esserlo) si avvicina da dietro e ti accarezza la faccia come fosse tuo fratello. Sono tutti atti di maleducazione e di imposizione di comportamenti non richiesti, ne condivisi. Allora il problema è quello di educare in maniera sensata, inclusiva ed elementare alle piu’ basiche regole di convivenza. Ed è questa la piu’ spaventosa delle osservazioni: convivere non è una tappa che abbiamo raggiunto evolvendoci, ma un accidente ambientale di cui ancora non abbiamo capito il funzionamento. Nelle organizzazioni, nelle situazioni sociali e nelle famiglie, luoghi occasionali di ferocia quotidiana. Perché è nelle famiglie che si riversa l’insensatezza mediata dai gesti inconsulti fatti davanti ad uno stadio o in una sala riunione. La maleducazione è sintomo di malesseri ben piu’ gravi e rendiamoci conto, finalmente, che la pandemia ha reso tutto cio’ piu’ evidente e intenso. E come ci ricorda l’ottimo autore Eric Hoffer, la maleducazione è un’imitazione di forza dell’Uomo debole. Una debolezza diffusa, profonda ed inquietante.
Sia essa appartenere a chiunque, di sesso maschile o femminile,ribadisco.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter