BabeleIndustria cosmetica europea: la crescente importanza dei produttori polacchi

Importante produttore sul mercato cosmetico in Europa

Da quando la Polonia è entrata a far parte dell’Unione Europea, stiamo assistendo a un intenso processo di sviluppo economico del paese. Beneficia della credibilità data dall’appartenenza alla comunità, e allo stesso tempo offre sul mercato prodotti di alta qualità. Inoltre, ha anche ottenuto l’accesso al mercato unico, che ha fornito il vantaggio nell’attrarre investitori stranieri. Uno dei settori che ha ottenuto grandi crescite e riconoscimenti a livelli sia europei che mondiali, è quello dell’industria cosmetica.

In tutta l’Europa sono conosciuti i cosmetici dei marchi INGLOT, Marion, Zaja, Bielenda, Farmona e altri. I brand polacchi non si promuovono con grandi campagne pubblicitarie, ma con la qualità dei prodotti e i prezzi davvero competitivi, conquistando velocemente i mercati esteri.

Sviluppo sempre positivo

Prima della comparsa della pandemia di coronavirus, nel periodo 2005-2019 (dati di Servizi di informazione su Internet di PKO Bank Polski SA), le esportazioni di cosmetici dalla Polonia sono aumentate dall’0,8 miliardi di euro a 3,8 miliardi di euro, il che significa un progresso quasi quintuplicato. La Polonia è al 14° posto nell’elenco dei maggiori esportatori di cosmetici al mondo, con una quota del 2,6%, generando nel 2020 circa 4,1 miliardi di euro di ricavi dalle esportazioni. Le analisi di mercato mostrano che dopo la Brexit è il quinto mercato di cosmetici più grande dell’Unione Europea, che esporta prodotti in 160 paesi di tutto il mondo. Tra i tre maggiori destinatari ci sono Germania, Russia e Regno Unito, che nel 2019 hanno ricevuto prodotti di bellezza fabbricati in Polonia per importi rispettivamente di 522, 410 e 328 milioni di euro.

L’influenza del Covid-19 sul mercato dei cosmetici polacchi

Nonostante la pandemia di coronavirus, il mercato dei cosmetici in Polonia ha registrato dinamiche positive nel 2020. È aumentato di circa 1,6%. L’analisi di mercato e previsioni fornisce informazioni ancora migliori. L’allentamento delle restrizioni e del ritorno dei consumatori ai vecchi comportamenti, cioè più attività fuori casa, visite più frequenti nei negozi e ritorno negli uffici, le dinamiche di crescita del il mercato dei cosmetici tornerà al trend pre-pandemia e crescerà del 4,2 % ogni anno fino al 2026.

La capacità di rispondere alle esigenze dei clienti combinata con l’alta qualità dei prodotti fabbricati e la diversità dell’offerta con strategie commerciali ben ponderate garantiscono che l’industria cosmetica in Polonia aumenti ulteriormente, anche durante la pandemia di coronavirus. I rappresentanti delle aziende del settore della bellezza concordano sul fatto che investire in tecnologie moderne e soluzioni innovative sia un modo per continuare a generare profitti.

Nuove soluzioni per tenere il passo con i cambiamenti

Si scopre che le soluzioni intraprese dagli imprenditori nei tempi difficili delle restrizioni economiche includono un regime speciale di sicurezza, il lavoro a distanza, il monitoraggio della salute dei dipendenti e la modifica nell’organizzazione del lavoro. Quest’ultimo elemento è utilizzato da ben il 62,5% delle piccole imprese, e nel caso delle medie e grandi imprese questo parametro arriva rispettivamente al 74% e all’85%.

Il futuro del mercato dei cosmetici è sicuramente basato sull’e-commerce, e la pandemia ha avuto un impatto indiscutibile sulla crescita delle vendite attraverso questo canale. Come indicato dagli analisti, per questo motivo osserviamo che le attività dei produttori e delle reti di distribuzione sono focalizzate sull’e-commerce che è un’opportunità per lo sviluppo di ogni marchio in egual misura, consente pari accesso ai consumatori nazionali ed esteri. L’e-commerce rende più facile paragonare i prodotti in base al prezzo, ingredienti e proprietà, influenzando la competitività online, e grazie ai servizi delle aziende di corrieri per spedizioni internazionali, rendono più facile la distribuzione. Tra il 2019 e il 2020, le vendite online in Polonia sono aumentate del 35%. Nel 2020 il canale online ha raggiunto la quota del 14% del valore delle vendite al dettaglio e l’e-commerce è in continua crescita. Si prevede che questa tendenza non cambierà nei prossimi anni, questo canale crescerà più del doppio rispetto all’intero mercato dei cosmetici.

Conclusioni

Si nota il coraggio degli imprenditori polacchi, grazie ai quali, nonostante le condizioni economiche incerte, prendono ottime decisioni commerciali e, tra l’altro, aumentano sistematicamente il valore delle esportazioni dei cosmetici. La Polonia ha tutti i vantaggi: creatività, forza di lavoro, conoscenze, competenze e infrastrutture per creare prodotti di altissima qualità qui in Europa. Questa è sicuramente una notizia importante per gli investitori che soffrono le difficoltà causate dalla pandemia da coronavirus.

Grazie al coraggio degli imprenditori, i prodotti dei marchi polacchi sono ampiamente riconosciuti in tutta l’Unione Europea e anche al di fuori di essa, e risultano essere sinonimo di ottimo rapporto qualità-prezzo.