Daniele Grassucci
Dopo Skuola
26 Marzo Mar 2019 1530 26 marzo 2019

Revenge Porn, Sexting, Sextorsion: troppo diffusi tra i più giovani

Sexting

La tecnologia è sempre più presente nelle nostre vite e anche le relazioni si stanno trasformando. Una delle conseguenze più evidenti della diffusa tendenza di condividere tutto, ma proprio tutto, online è il Sexting. Che, a sua volta, ha una preoccupante “deriva”: il Revenge Porn. E non mancano casi in cui i ciò avviene con finalità di estorsione: è la Sextorsion. A peggiorare le cose, il fatto che alcune relazioni sessuali, oggi, possono nascere anche solo ed esclusivamente online.

Cos'è la "porno vendetta"?

Ma cos’è il Revenge Porn di cui si parla tanto? Non è altro che la diffusione senza consenso di foto o video molto intimi, che ritraggono atti sessuali o nudità, con lo scopo di denigrare la persona coinvolta. Un’ulteriore complicazione è che, dopo un semplice click, si perde il controllo di ciò che si è pubblicato sul web. Distruggendo la reputazione e, in non pochi casi, anche la vita della vittima.

Il dibattito arriva in Parlamento

Impossibile non pensare alla tragica fine di Tiziana Cantone, il cui video che la ritraeva in atteggiamenti intimi ha conosciuto una diffusione praticamente virale. Purtroppo la legge, ad oggi, non tutela come dovrebbe chi cade nella rete del Revenge Porn. E, probabilmente, ci sarà da aspettare ancora, visto il paventato ‘no’ da parte della Camera all’emendamento che avrebbe dovuto renderlo un vero e proprio reato. Ma la discussione è tutt’altro che conclusa.

I 'nativi digitali' sono i più esposti

Anche perché il fenomeno è in espansione e colpisce anche e soprattutto chi, di web, ci “vive” in tutto e per tutto. Parliamo delle nuove generazioni, i “nativi digitali”, tra cui il Revenge Porn assume tratti preoccupanti. Secondo una recente ricerca di Skuola.net, che ha coinvolto 6500 ragazzi tra i 13 e i 18 anni, il 24% di loro ha scambiato almeno una volta immagini intime con il partner via chat o social (sexting). Tra questi, il 15% ha subìto la condivisione con terzi, senza consenso, di questo materiale. Il motivo più frequente, riportato dalle vittime? Assurdo ma è per un banale “scherzo” (49%), che mostra quanto possano essere sottovalutate le reali conseguenze di tale diffusione. Tra le altre motivazioni, con numeri rilevanti: il ricatto (11%) o la vendetta (7%). Inoltre, a dispetto di quanto si potrebbe pensare leggendo i casi di cronaca, il fenomeno è più maschile che non femminile. Sia in termini di propensione allo scambio che di fughe di contenuto.

La principale reazione al sopruso? Il silenzio

La reazione più diffusa? Nella maggior parte dei casi è il silenzio (il 53% ha fatto finta di niente, il 31% non ha detto nulla per non essere giudicato). Sono soprattutto le ragazze ad aver paura del giudizio rispetto ai ragazzi. Non manca chi, pur non subendo la condivisione del proprio materiale intimo, ne è stato minacciato: qui la percentuale è del 12%. In questo caso è determinante la motivazione del ricatto (44%) e della vendetta (18%). Ma la condivisione senza consenso delle proprie immagini intime può iniziare anche da qualcosa di diverso dal “sexting”: quando il materiale è raccolto senza che la vittima ne sia al corrente. Può succedere, ad esempio, se durante un rapporto sessuale - fisico o virtuale - questa sia ripresa o fotografata a sua insaputa, per poi essere ricattata.

I pericoli del sesso virtuale

Secondo un’altra indagine del sito, su un campione di 14mila studenti tra gli 11 e i 19 anni, quest’ultimo fenomeno è tutt’altro che raro. C’è chi, infatti, dichiara di aver avuto un rapporto sessuale fisico con compagni/e di scuola che scambiano tali “prestazioni” con favori di varia natura. Non sono pochi, sono circa il 4% dei nostri ragazzie e ragazze. Ebbene, il 66% di chi si è prestato a questo “scambio” è stato poi fotografato o filmato a scopo di ricatto. Ma non serve neanche incontrarsi nella vita reale per dare inizio a questo “furto” di immagini hot. Il 9% del campione, infatti, ha ammesso di essere stato ricattato dopo aver fatto sesso virtuale cono sconosciuti, essendo stato ripreso senza che ne fosse a conoscenza. Il fenomeno, come detto, è meglio noto come sextorsion. Anche di questo sicuramente sentiremo parlare.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook