STREAMING

Netflix, altro che boom. In Italia non decolla

Sembrava che dovesse rivoluzionare le abitudini di chi guardava film e serie tv. E invece non sfonda

Getty Images 159216145

Frederick M. Brown / Getty Images

25 Gennaio Gen 2016 1629 25 gennaio 2016 25 Gennaio 2016 - 16:29

Insomma, la streaming tv in Italia non decolla. Stenta. Vivacchia. Pilucca qualche centinaia di migliaia di abbonati ai margini della platea. Qualche giorno fa Repubblica ha parlato di circa 700mila spettatori tra Sky Online, Infinity di Mediaset e Netflix. Nicchie, piccole tribù di impallinati… Ci si attendeva molto dallo sbarco in Italia del colosso di Los Gatos (quasi 75 milioni di abbonati nel mondo), ma nell’ottobre scorso, in sede di lancio, il guru Reed Hasting aveva subito placato l’euforia che agitava i fan della visione sequenziale. Puntiamo ad arrivare ad un terzo delle famiglie italiane in sette anni, aveva detto pronosticando l’andamento lento. Dopo i primi tre mesi di rodaggio, il grafico appare più piatto del previsto.

Avevano, dunque, visto giusto gli analisti e i dirigenti di Sky e Mediaset quando dicevano che l’arrivo di Netflix non li spaventava perché c’era già la loro offerta a saturare la domanda? Un po’ sì e un po’ no. Sì perché, tre soggetti di streaming tv in un mercato debole come il nostro, che peraltro attraversa una fase di crisi, sono oggettivamente tanti. No perché, a ben guardare, nemmeno loro se la passano bene. In quella fetta di 700mila fruitori di streaming tv, 280mila sono quelli connessi a Netflix (110mila i veri abbonati, gli altri ancora nel mese di prova gratuito). Dunque, sempre secondo i dati diffusi da Repubblica, tra Sky Online e Infinity restano circa 400mila abbonati.

Oltre all’eccesso di concorrenza all’interno di un mercato piccolo, un’altra delle ragioni del mancato decollo di Netflix, secondo alcuni osservatori va attribuita alla modestia dell’offerta. Pochi i contenuti esclusivi davvero imprescindibili per un servizio che si propone come un gadget d’élite. La critica ha qualche motivazione, ma non ne sono completamente convinto. Serie come Narcos o Making a Murderer o film come Shame o Spring Breakers sono prodotti di qualità. Esclusivi ed elitari quanto basta. Piuttosto, forse, mischiando nell’homepage serie e film, la loro presentazione può risultare un tantino confusa.

Allora, forse, il punto può essere un altro.

CONTINUA A LEGGERE SU CAVEVISIONI.IT

Potrebbe interessarti anche