Cosa farà la Cina? Per capirlo basta leggere Confucio

Il grande pensatore, che non ha lasciato nulla scritto di suo pugno, ha formato il carattere di un Paese e di un popolo. I suoi insegnamenti riecheggiano anche oggi e seguendo la sua filosofia si può comprendere la strategia e il pensiero della politica attuale

Getty Images 72031932

Getty Images / China Photos

13 Gennaio Gen 2017 1119 13 gennaio 2017 13 Gennaio 2017 - 11:19

Tutto va fatto con moderazione, compresa la moderazione. Il mondo di Confucio può cominciare qui: conservazione, virtù, rispetto delle tradizioni, miglioramento personale. E soprattutto, tanta legge. Anche oggi la Cina – cioè i futuri padroni del mondo – ha una mentalità definita dalle massime di un pensatore che, come molti altri suoi colleghi, non ha lasciato molte tracce di sé. Anzi, quasi nessuna. Al punto che alcuni (come per Gesù, o Buddha, o Lao Tzé), pensano che in realtà non sia mai esistito.

Secondo la tradizione Confucio sarebbe nato nel 551 a.C in Cina. Avrebbe studiato alla scuola di Lao Tzé, seguendone la filosofia, e poi ne avrebbe elaborata una sua – senza scrivere una parola, come Socrate. Il suo insegnamento, in sostanza, è una nuova etica fondata sulla giustizia e, soprattutto, sull’armonia tra le componenti della realtà. Una concezione che vale sia per i rapporti tra le persone che per quelle tra Paesi, compresa – soprattutto – quella tra componenti della natura. Se una persona crea disarmonia, va “corretta”. Se le stagioni sono alterate, allora qualcosa (il monarca, di solito), ha turbato l’ordine. Conseguenza logica è che l’ordine stabilito (meglio: tradizionale) coincide con il bene, mentre ogni cambiamento produce danno e sofferenza.

La Cina è l’unico Paese che, in buona sostanza, riesce a essere comunista e consumista, a cercare la modernità salvando la tradizione, a mantenere e diventare. In cui il potere resta accessibile a pochi e la selezione della classe dirigente è spietata. Un mondo gattopardesco che passa per le parole e gli insegnamenti confuciani: per essere capito, richiede di passare dalle parole del maestro. Chi non avesse né il tempo né la voglia di leggerle, può guardare questo filmato:

Potrebbe interessarti anche