“Genova mia tradita”: i versi di Caproni per la tragedia di oggi

“Genova mia tradita”: i versi di Caproni per la tragedia di oggi

Genova città pulita.
Brezza e luce in
salita.
Genova verticale,
vertigine, aria, scale.

Genova mio rimario.
Puerizia. Sillabario.
Genova mia tradita,
rimorso di tutta la
vita.

Genova di limone.
Di specchio. Di
cannone.
Genova da intravedere,
mattoni, ghiaia,
scogliere.

Genova di mala
voce.
Mia delizia. Mia
croce.
genova d’Oregina,
lamiera, vento, brina.

Genova di Corso
Oddone.
mareggiata.
Spintone.
Genova di piovasco,
follia, Paganini,
Magnasco.

Genova quarta corda.
Sirena che non si
scorda.
Genova d’ascensore,
paterna, stretta al
cuore.

Genova di cose trite.
La morte. La nefrite.
Genova bianca e a
vela,
speranza, tenda, tela.

Genova che non si
dice.
Di barche. Di
vernice.
genova balneare,
d’urti da non scordare.

Le foto sono state prese da flickr.com e sono rispettivamente di: orsobalA; Genovacittàdigitale; oggiscienza; Ilaria; Genny G.; Enrico Ghighino; EVStudio.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta