“Quasi quasi faccio un appello sul Corriere…”

“Quasi quasi faccio un appello sul Corriere...”

Lo scatto d’orgoglio invocato ieri da Giuliano Melani, con un appello sul Corsera, rischia di provocare una reazione a catena dagli esiti difficilmente controllabili. Non pensiamo a code interminabili alle nostre banche per comprare Bot. No. Pensiamo a quel che abbiamo visto pubblicato oggi a pagina 20. Sempre il Corriere. Sempre un appello a pagamento. Lo firma un ardimentoso 86enne  Luigi Turchi, cofondatore del Secolo d’Italia. Anche lui chiede orgoglio e coesione. Ma invece di sostenere la tribolata economia nazionale, chiede a tutti di portare in alto i cuori. In nome di cosa? Di una versione contemporanea – dice pari pari – di “Dio, Patria e Famiglia”. Come quando c’era Lui. Ringraziamo il Turchi per la tempra sincera e schietta, e guardiamo avanti. Possibilmente, oltre. Di un terzo Lui facciamo volentieri a meno.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta