Che cosa significa «empatia»?

Che cosa significa «empatia»?

Per “empatia” si intende la capacità di una persona di comprendere lo stato d’animo e la situazione emotiva di un altro individuo, spesso senza fare ricorso alla comunicazione verbale. La parola deriva dal greco εμπαθεια (a sua volta composta da en-, “dentro”, e pathos, “sofferenza o sentimento”), che, riporta Wikipedia, “veniva usata per indicare il rapporto emozionale di partecipazione che legava l’autore-cantore al suo pubblico”. Si può essere empatici sia nei confronti di sentimenti di gioia che di dolore.

Per lo studioso spagnolo Gustavo Páez l’empatia “è la capacità di sperimentare la realtà soggettiva dell’altro senza perdere la propria prospettiva”, mentre secondo Ronald C. Stern la condizione empatica “è fondamentale nella comunicazione umana”.

La parola empatia è usata anche in campo medico, dove indica la capacità del curante di comprendere i sentimenti e le sofferenze del paziente all’interno del rapporto di cura. Si contrappone alla simpatia (“sofferenza insieme”, da da syn- “insieme” e pathos “sofferenza o sentimento”), termine che contraddistingue un coinvolgimento emotivo negativo tra medico e paziente, che rischia di compromettere seriamente il percorso di cura.

Leggi le altre definizioni

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta